Air strike in Sana'a 11-5-2015 - Bombardamento con armi italiane?

Yemen, le armi della guerra “Made in Italy”

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Dalla Sardegna esportiamo le armi per la guerra in Yemen. In Sicilia importiamo i profughi della guerra in Yemen. Un circuito perfetto. Poi al bar diciamo di "aiutarli a casa loro".
Flickr CC © ibrahem Qasim
Flickr CC © ibrahem Qasim

Dalla Sardegna esportiamo le armi per la guerra in Yemen. In Sicilia importiamo i profughi della guerra in Yemen. Un circuito perfetto. Poi al bar diciamo di “aiutarli a casa loro”.

Anche Germania e Uk vendono armi all’Arabia Saudita, il paese alla testa della coalizione che bombarda lo Yemen. L’Europa però sostiene che i profughi delle guerre che attraversano le sue frontiere sono troppi.

Eppure dovremmo sentire il peso di una responsabilità maggiore. Perché gli uomini e le donne che fuggono dal Corno D’Africa sbarcano anche sulle nostre coste. A fine aprile insieme ai tanti migranti c’erano anche i primi yemeniti. Sessantasei arrivati e accolti dall’Italia per chiedere asilo politico nei primi 7 mesi. Esportiamo bombe e importiamo rifugiati. Il cinismo nel nome degli affari. Secondo il centro legale per i diritti e lo sviluppo – una ong locale – si contano già più di 9mila morti, quasi 26 mila vittime tra i civili, 16.690 feriti e 2 milioni e 400 mila sfollati. Fuori da questi numeri ci sono ventisei milioni di persone che necessitano di urgenti aiuti.

Leggi l’articolo dell’Espresso

 

Questa storia è stata letta 2141 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »