Una malattia sociale. Invertire causa ed effetto

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Sembra una malattia sociale. Dal dibattito sugli scafisti alle discussioni sul caporalato, si invertono le cause e gli effetti. Oppure si nascondono le cause: guerre e sfruttamento. Anche perché in questo caso i cattivi non sono "loro" ma rispettabili signori occidentali

Sembra una malattia che ha contagiato tutti: giornalisti, politici. Si continua ad invertire causa ed effetto. E così deve essere un ragazzino siriano a ricordare a tutti che se non si vogliono i profughi basta fermare la guerra.

Nel dibattito sugli scafisti spunta pure la proposta istituzionale di bombardarli. Ma si dimentica che sono il prodotto del proibizionismo; la causa sono le frontiere chiuse e la mancanza di canali di accesso sicuri persino per chi fugge dalle zone di conflitto.

Infine, il dibattito sul caporalato è surreale. Nel dibattito corrente sarebbero dei criminali privi di qualunque connessione col tessuto produttivo, cattivi che “vengono dalla luna“. Invece svolgono una precisa funzione: sono chiamati dalle aziende che vogliono risparmiare sulla pelle dei lavoratori più ricattabili.

Infine i ghetti. Anche qui si dimentica la causa: lo sfruttamento selvaggio e i bassi salari.

Causa Effetto
Le guerre -> I profughi
Le frontiere chiuse -> Gli scafisti
Le aziende sfruttatrici -> I caporali
Lo sfruttamento -> Il ghetto
Questa storia è stata letta 2798 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »