Un bagno di realtà. Prefazione di Marco Rovelli al libro “Ghetto economy”

Marco Rovelli
  Inoltrarsi nel “laboratorio segreto di produzione”, spezzare i feticci. Scoprire il mondo sporco e tremendo che sta dietro lo splendore della merce esibita sugli scaffali lucenti di un supermercato. E scoprire che la fatica bestiale che c'è dietro non è "naturale", solo perché su spalle romene o africane. Il testo di Marco Rovelli per Ghetto economy
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

C’è un’arancia sul tavolo. Mi appare come un semplice, elementare oggetto che ho acquistato col denaro, in base al suo valore. Ciò di cui non mi accorgo, però, è che essa nasconde rapporti sociali tra persone.

Si tratta dunque di inoltrarsi nel “laboratorio segreto di produzione” – come scriveva Marx, che di questo sguardo indagatore è maestro. Spezzare i feticci, e scoprire il mondo sporco e tremendo che sta dietro lo splendore della merce esibita sugli scaffali lucenti di un supermercato. Risalire la catena (ovvero: la filiera produttiva), fino a conoscere i nomi di chi ha “lavorato” quei prodotti. Capire che il vero nome di quell’arancia è un nome africano, magari, o bulgaro. E poi arrivare a immaginare, possibilmente, la fatica di quel corpo occultato, negletto.

Che poi, negli ultimi anni, quel laboratorio segreto non è più così segreto: libri e reportage lo hanno svelato, se n’è fatto scandalo. Eppure tutto continua come prima, immutato. Anzi, semmai, le cose peggiorano.

La “ghetto economy”, come giustamente sintetizza Antonello Mangano, prospera. Viene da pensare che quello scandalo sia stato funzionale al massimo occultamento: rendere normale questa modalità di produrre. Non c’è più niente di cui scandalizzarsi, se tutto avviene alla luce del sole. Ci siamo abituati. È normale, se in un settore così labour-intensive come l’agricoltura, ci siano uomini e donne sfruttati: nel nostro immaginario, essi sono “uomini naturali” come quella natura che essi lavorano, uomini che vengono da condizioni di vita primordiali, e la loro fatica, in fondo, mica vale la nostra. Del resto siamo in crisi, e nella crisi tutto è lecito.

Si tratta allora, come viene fatto in questo libro, di tenere fisso lo sguardo su quelle merci. Sulle arance, i pomodori, i mandarini, le mele. Continuare a raccontare, per non cedere al loro incantesimo: non ci sono cose, cose e nient’altro, ma ci sono persone, che continuamente rimuoviamo. Le nostre parole saranno allora come formule anti-magiche, per spezzare l’incantesimo, per tornare a vedere, dietro quello schermo astratto, la concretezza dei rapporti sociali, la materialità del vivere, la carne e il sangue di uomini e donne. E da lì, da questo bagno di realtà, ripartire.

Marco Rovelli

[hr]

Antonello Mangano, Ghetto Economy. Dietro l’etichetta del supermercato, terrelibere.org, Roma 2014, Isbn eBook 9786050330090, Isbn cartaceo 9781502975140, 114 pagine. Prefazione di Marco Rovelli, postfazione di Yvan Sagnet, € 4.99

Ordinalo in formato cartaceo su Amazon

Scarica gratis l’anteprima del libro in Pdf

 Questa storia è stata letta 3981 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date