terra matta

Terra matta

Vincenzo Rabito
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Bracciante nella provincia siciliana del primo Novecento, minatore in Germania, emigrato nell'Africa coloniale e soldato nelle spaventose trincee della Prima guerra mondiale. Ma anche impegnato nella lotta quotidiana per la sopravvivenza, tra matrimoni combinati e sforzi per l'emancipazione sociale. Un diario straordinario e vitale, amaramente ironico e scritto in un misto di siciliano e italiano

Se i muri potessero parlare, si dice a volte. I muri non parlano, e neanche i poveri. Quelli che fanno i lavori più faticosi, patiscono la fame e vengono inviati a morire in guerra. I poveri non possono parlare, perché non conoscono la grammatica e gli editori non pubblicano i loro libri. Eppure avrebbero tante cose da raccontare.

C’è una eccezione, ed è merito di Einaudi, che ha adattato e pubblicato il diario di Vincenzo Rabito, bracciante di Chiaramonte Gulfi (la Sicilia del ragusano), nato nel 1899 e protagonista di una vita avventurosa, conclusa degnamente: chiudendosi a chiave nella sua stanza per sei anni. E ogni giorno, dal 1968 al 1975, senza dare spiegazioni a nessuno, ha ingaggiato una estrema lotta contro il proprio semi-analfabetismo.

Con una vecchia Olivetti ha scritto una dopo l’altra un’infinità di pagine fitte, senza spazi e punteggiatura. Un flusso ininterrotto di storie, commenti amari e vicende raccontate in una lingua nuova e ostica. Che non è italiano, che non è dialetto e che nessuna opera di editing  poteva trasformare. L’hanno lasciata così com’era.

Questa è la bella vita che ho fatto il sotto scritto Rabito Vincenzo, nato in via Corsica a Chiaramonte Qulfe… Mille pagine a interlinea zero e senza margini per raccontare le trincee della Prima guerra mondiale (uno straordinario diario della vita di soldato), poi le bombe della Seconda e l’esperienza senza misericordie del Ventennio, la scelta di andare a fare il minatore in Germania e poi nell’Africa coloniale per sfuggire alla fame, pure il flagello di una suocera terribile, la fame atavica del Sud contadino sostituita dall’improvviso benessere della «bella ebica» del boom economico.

E infine una privatissima ed estrema battaglia per consegnare ai posteri “Terra matta”. “Epopea dei diseredati”, l’ha definita l’editore. Il punto di vista delle classi senza ricchezza e cultura codificata, diremmo meglio. Spesso uno sguardo persino ironico. Tragicomico, come la lotta per la sopravvivenza contro la povertà estrema del mondo contadino di inizio Novecento e le scelte dei potenti che usano le masse come carne da macello.

E poi il boom, che per Rabito significa ottenere appalti nelle strade cantoniere, con un senso della legalità inversamente proporzionale – come è ovvio che sia – all’istinto di sopravvivenza che ha segnato tutta la sua esistenza e quella delle masse povere. Quindi gli sforzi per far studiare i figli, sistemarli, elevarli di ceto come avvocati o ingegneri. E infine la lingua.

Non scoraggiatevi subito. Sicuramente la mescolanza di italiano e siciliano è difficile da leggere, ma è l’unico registro in grado di restituire questa estrema e vitale lotta per la sopravvivenza, contro la fame, la povertà, gli eserciti, i regimi, i climi tropicali, le parentele sbagliate e infine il destino infame di chi è nato per “non vivere”.

Questa storia è stata letta 5632 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »