Sigonella, lavoratore fa sequestare un miliardo del governo Usa

  Sentenza contro il governo degli Stati Uniti. Pignorato un bene straniero per risarcire un lavoratore della base di Sigonella ingiustamente licenziato.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Sigonella (Wikimedia Commons)
Sigonella (Wikimedia Commons)

Carmelo Cocuzza, vetrinista siciliano ed ex lavoratore nella base di Sigonella, ha fatto sequestrare un supermercato del governo Usa che vale un miliardo. Licenziato nel 2000  (lavarova in un market interno gestito dal Defense Commissary Agency), ha lottato per anni fino ad ottenere giustizia.

La sentenza risale a due anni fa ma è diventata esecutiva solo da qualche giorno: il Tribunale ha ordinato il reintegro del posto di lavoro e il sequestro dei beni del market. Dalla vendita dei beni (circa un miliardo di valore) si dovranno trovare i seicentomila dollari per risarcire il lavoratore.

“È stato triste – commenta l’avvocata di Cocuzza – essere stati costretti a pignorare un bene di un governo straniero per avere quello che da due anni dei giudici italiani hanno stabilito con una sentenza definitiva. La legge deve essere uguale per tutti, e anche i governi stranieri devono rispettare le norme italiane in Italia”.

La notizia è arrivata negli Stati Uniti, molte testate legate al mondo militare hanno evidenziato il paradosso dei militari che non possono acquistare i beni alimentari sequestrati. Su Facebook la Us Navy ha annunciato nuovi rifornimenti.

Ovviamente la questione è più complessa e ripropone il tema dello status giuridico della base di Sigonella. “Military Times”, sito web Usa, si chiede se un cittadino italiano possa reclamare diritti su beni di un governo straniero.

Leggi la notizia completa

 Questa storia è stata letta 3062 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto