fb732460-e308-49b9-bf02-87e2a0fe9ac5_1200x499_0.5x0.5_1_crop

Serre del ragusano, cosa cambia nel distretto del doppio sfruttamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp

Almeno adesso nessuno nega il dramma del doppio sfruttamento (sessuale e lavorativo) che colpisce  le donne romene nel sudest della Sicilia. Al  convegno tenuto a Ragusa nei primi giorni di dicembre, c’erano le istituzioni italiane e rumene. Mesi fa, la posizione ufficiale dei due governi era minimizzare. Adesso numerosi attori si sono confrontati sulle possibili soluzioni.

Cosa emerge?

  1. non esiste un confine tra lo sfruttamento lavorativo e la tratta degli esseri umani; la “schiavitù”  si configura anche come mancanza di alternative
  2. il tavolo della Prefettura aperto a un confronto con gli operatori sociali
  3. maggiori controlli e presenza nella zona delle serre, non solo in chiave respressiva
  4. l’ipotesi di un bollino di qualità per le aziende virtuose.

Lo scorso aprile il caso di una donna romena, in Italia dal 2006, costretta a quattro aborti dopo le violenze del padrone di una serra, poi arrestato. «Le interruzioni di gravidanza praticate all’ospedale di Vittoria richieste da donne straniere nel triennio 2012-2014 sono state 309».

 

 Questa storia è stata letta 2085 volte

Il libro / Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Tra breve riprenderanno le presentazioni del libro. Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto