Ruspe o biberon. In Italia il migrante è visto come un bambino

  Ruspe per cacciarli, biberon per assisterli. Riusciremo un giorno a vedere i migranti come adulti in grado di viaggiare, scegliere, sbagliare?
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
“We don’t need food, we need to pass”

 

La parola giusta è “infantilizzazione del migrante”. In questo fondamentale articolo Valeria Verdolini nota che a Ventimiglia non c’erano persone da assistere, ma uomini in lotta per la libertà di transito: “We don’t need food, we need to pass“.
Invece la dicotomia è tra il pane-biberon (l’assistenzialismo paternalista) o le ruspe (il respingimento dopo l’emergenza).
Non siamo stati un paese in grado di creare opportunità, almeno saremo un dignitoso luogo di transito?

Il pane e le rose: nuovi paradigmi culturali di migrazione. Leggi l’analisi di Valeria Verdolini

 

 Questa storia è stata letta 2630 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto