Roma. Le nostre radici: turbante e hijab

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

“Movimento Patria” ha messo questo manifesto sul muro di un negozio di bengalesi. C’è scritto che Roma ha la sua identità.

Ho parlato con il negoziante e lui non ha espresso nessuna critica contro il manifesto appiccicato. Anzi, è pure contento. Perché Gesù è il profeta per i musulmani e gli altri elementi nel manifesto non sono romani per niente: l’anziano porta il turbante e la donna porta (quello che sembra) il velo islamico.

Questi sono veri cultural shock. Ricordiamo che il movimento di Iorio condanna questa selvaggia multiculturalità e invita all’assimilazione romana. Quindi tutti con il turbante e l’hijab?

(Foto e testo di Ejaz Ahmad)

 Questa storia è stata letta 3026 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto