Qatar, i mondiali della vergogna. Migliaia di asiatici ridotti in schiavitù

  Sfruttamento e fondamentalismo. Grattacieli e ultramodernità. Qual è il vero volto degli Emirati? I mondiali di calcio 2022 in Qatar saranno un'ottima occasione di chiarimento. Innanzitutto per noi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Da un lato  i mondiali di calcio, le società finanziarie e immobiliari, i grattacieli e i canali satellitari. Il turismo e gli investimenti. Le compagnie aeree e il petrolio.

Dall’altro la riduzione in schiavitù dei lavoratori asiatici, l’assenza di diritti per le donne e il fondamentalismo.

Qual è il vero volto degli Emirati? I mondiali di calcio 2022 in Qatar saranno un’ottima occasione di chiarimento. Innanzitutto per noi.

Si chiama “sponsorship”, ma è una forma di schiavismo legalizzato. Il lavoratore – quasi sempre proveniente da Nepal, Pakistan o Bangladesh – entra nel paese grazie alla garanzia di un padrone e con un contratto. Durante la sua permanenza è rigidamente legato a quel documento. Non può cambiare nulla della sua condizione. Il risultato sono condizioni estreme di lavoro e di alloggio.

Leggi la denuncia di Amnesty International

 Questa storia è stata letta 2302 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto