“Scappano dalle guerre”. Ma chi crea i conflitti?

  Nell'ultimo anno non abbiamo visto continenti in fuga e migrazioni irreversibili. Piuttosto alcuni conflitti che producono profughi. Ma chi arma quelle guerre? Le contrapposizioni da guerra fredda e le nuove potenze regionali. Col ruolo decisivo degli emirati. Ma l'iniziativa diplomatica è assente e l'opinione pubblica si divide tra buoni e cattivi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La retorica umanitaria dice che i profughi fuggono da “guerre e persecuzioni”. Ma chi arma quei conflitti? Chi sostiene quei dittatori? Quali paesi ne destabilizzano altri per aumentare il proprio potere?
Possiamo dividerci sull’accoglienza e parlare solo dei problemi a valle. Possiamo occuparci solo degli effetti o consolarci con luoghi comuni come “le migrazioni sono inevitabili” oppure “aiutiamoli a casa loro”.


Possiamo evitare di riflettere sui motivi. Il silenzio sulle cause rafforza il “retropensiero” secondo cui loroplebi da educare”  e noi possiamo solo accoglierli o respingerli. Se siamo, a seconda dei casi, buoni o cattivi.
Oppure buoni interessati, magari con interessi nei centri d’accoglienza.

Le migrazioni nel Sud Europa degli ultimi tempi sono sempre meno dovute a motivi economici. Paesi come l’Italia e la Grecia non sono certo appetibili in questo momento. Basta guardare i numeri. In Italia si arriva (e spesso, si transita soltanto) soprattutto da pochi paesi. Oltre metà dei profughi arriva dai confilitti endemici e delle dittature: Siria, Nigeria, Eritrea, Somalia, Gambia.

Arrivi in Italia da gennaio a giugno 2015. Fonte: Ministero dell’Interno

Gli interessi contrapposti. Il risiko che produce profughi

  • Siria:  Usa / Russia – Iran  / Emirati (Qatar) / Turchia
  • Libia: Francia – Italia – Usa – Regno Unito / Emirati
  • Afghanistan e Iraq: Usa, paesi occidentali / arcipelago islamico

Le dittature o i conflitti endemici

I numeri parlano chiaro. Nel 2015 la maggior parte degli arrivi viene da zone di guerra dove gli interventi italiani e occidentali hanno prodotto danni irreparabili. Altro paese di provenienza è il Gambia, dove la dittatura locale non è stata mai interessata da nessuna azione diplomatica. Anzi, l’Italia vorrebbe stringere accordi per il rimpatrio. In Nigeria i conflitti etnici e religiosi non sono risolti, ma usati. L’importante, specie per l’Italia, è l’accesso alle risorse energetiche.

Se le potenze globali (Russia, Usa) e quelle regionali (Turchia, Iran, Emirati) ragionano anche in termini di potere e zone d’influenza, i paesi europei si limitano ad accaparrarsi risorse, senza una vera politica. Un misto tra risiko e Bismark per una generazione di diplomatici che non si è mai rinnovata.

Le guerre attuali non derivano da scontri tribali tra incivili ma da una serie di cause:

  • la politica di potere dei paesi che vengono dalla guerra fredda (Usa e Russia con i rispettivi alleati), con le stesse logiche di contrapposizione del passato;
  • l’azione degli emirati che dall’Iraq alla Siria, fino ai paesi del Nord Africa (ma anche alla Bosnia) vogliono espandere la loro zona d’influenza usando l’Islam;
  • le politiche di potenze regionali come Turchia e Iran, che tendono a espandere le rispettive zone d’influenza.

Una caratteristica comune è il doppiogiochismo. Gli emirati sono nemici dell’Occidente ma anche partner commerciali. Le alleanze si formano e sfaldano in tempi brevi.

Un fattore chiave è il traffico d’armi. Ogni attore arma le proprie fazioni senza nessun controllo o limite. Infine, il consiglio dell’Onu. Le risoluzioni sono bloccate da veti incrociati stile “guerra fredda”.

I conflitti come quello siriano colpiscono famiglie normali, lavoratori, città dove si viveva in pace. Ma li abbiamo trattati con indifferenza e il razzismo che si riserva a quelli che “si ammazzano tra loro”.

Oggi dobbiamo cambiare rapidamente idea. Perché in un mondo globalizzato non esistono più problemi che non ci riguardano. È solo questione di tempo.

 Questa storia è stata letta 3888 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date