Nestlé ammette l’uso di lavoro schiavile in Tailandia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Egor Kataev © Licenza Creative Commons
Egor Kataev © Licenza Creative Commons

Nel novembre 2015 è diventata pubblica la notizia secondo cui la catena di produzione del pesce in Tailandia è macchiata da forme di moderna schiavitù, che riguardano in particolare i migranti.

La denuncia nasce dal rapporto della ong Verité.

Oggi il Guardian rivela che Nestlé ammette il fatto. Migranti molto poveri sono adescati con false promesse e poi costretti a lavorare in condizioni durissime. Il pesce finirebbe poi nella catena di produzione della multinazionale svizzera.

Leggi il rapporto (in inglese)

Sfoglia l’archivio su Nestlé

 

 Questa storia è stata letta 3364 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto