I luoghi comuni su migranti e agricoltura Notizie

“Anche noi siamo sfruttati, non possiamo pagare i braccianti”

Luoghi comuni – 1 . Sul tema dello sfruttamento dei migranti in agricoltura si sono imposti numerosi luoghi comuni. Il peggiore tra tutti è la necessità dello sfruttamento. Secondo quanto riportano i media, i piccoli produttori sarebbero “costretti” a pagare poco i braccianti

     
Fotografia di Sara Prestianni © www.saraprestianni.eu

Fotografia di Sara Prestianni © www.saraprestianni.eu

Da nord a sud, lo sfruttamento in agricoltura si estende e adesso riguarda in maniera estesa anche i rifugiati.

Ma la situazione appare frutto della “necessità” e non delle scelta, grazie a un luogo comune sempre più diffuso. “Se pagassimo di più i raccoglitori, le arance rimarrebbero sugli alberi”, è una frase spesso rilanciata dai media. Lo dicono i piccoli produttori interrogati sulle paghe dei braccianti.

Che non si possa pagare di più è falso per questi motivi: i salari bassi ci sono sempre stati, anche in tempo di “vacche grasse”. A Rosarno, per esempio, erano molto diffuse le truffe all’Unione Europea. Le “arance di carta” permettevano redditi alti – anche se fraudolenti – ai produttori calabresi. Ma la paga degli africani era la solita, all’epoca 20mila lire. Oggi, invece, sono abbastanza diffusi i kiwi, una coltivazione molto più redditizia delle arance. Ma anche in questo caso le paghe non sono più alte.

Infine, anche in Piemonte (Saluzzo e Canelli) ci sono forme di grave sfruttamento pur in presenza di economie ricche.

In Toscana, nelle ricche zone del Chianti, aziende di alto livello usavano i rifugiati.

Lo sfruttamento, quindi, non è un prodotto della “necessità”, ma dall’assenza di contrappesi. Quando il “padrone” opera senza controlli, impone le condizioni che preferisce.

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore di “terrelibere.org”, ha scritto i libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010), "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Ha collaborato con MicroMega e Repubblica.it. Attualmente scrive per l'Espresso.