Notizie

La ‘ndrangheta come mafia capitale. Tra le attività dei clan l’accoglienza dei migranti

Nel sequestro ai danni del clan Molè, anche una cooperativa che avrebbe gestito l’accoglienza dei migranti. Come a Roma, la ‘ndrangheta si lancia nel business dell’accoglienza

     

In Calabria i migranti ancora non rendono più della droga, come dicevano nelle intercettazioni di “Mafia Capitale”. Ma i clan si sono lanciati nel business dell’accoglienza.

Il sequestro di beni – 43 milioni di euro – ai danni di Armando Raso, imprenditore ritenuto vicino ai Piromalli-Molè di Gioia Tauro, è indicativo. Le imprese vicine alle ‘ndrine operavano nel settore sanitario, nell’edilizia e nell’accoglienza.

Infatti è stata sequestrata “La Caravella”, una cooperativa di prossima attivazione che aveva come scopo la gestione di una struttura alberghiera. Da riempire con i profughi delle finte emergenze all’italiana.

Leggi il dettaglio della notizia

Come cresce un imprenditore dei clan (Alessia Candito)