Commenti I luoghi comuni su migranti e agricoltura

“Il problema sono solo i caporali”

Caporalato

Luoghi comuni 5 – La ricerca di soluzioni per il grave sfruttamento lavorativo in agricoltura è centrata sui caporali. Come se fossero l’unica causa. In realtà sono un anello della catena produttiva. E neppure il più importante. In questo modo, si oscurano le responsabilità delle aziende e si trovano soluzioni consolatorie. Ma inefficaci

     

Le morti dell’estate 2015 hanno dimostrato che il problema del grave sfruttamento in agricoltura riguarda anche gli italiani. Ma il dibattito pubblico, durante e dopo,  è rimasto esclusivamente centrato sui caporali. Così come la ricerca delle soluzioni.

In questo modo, l’attenzione è rimasta sui “cattivi” sostanzialmente estranei al sistema produttivo e in gran parte stranieri. Così si dimentica che i caporali sono soltanto uno degli anelli della catena. E neppure il più importante, visto che anche dove non esiste il caporalato (si pensi alla zona di Vittoria-Ragusa) ci sono fenomeni di sfruttamento estremo ed esteso.

Il caporalato serve alle aziende e comprime i costi, ma se domani sparisse sarebbe comunque sostituito da forme semi-legali di agenzie interinali e cooperative senza terra, come già avviene in molte zone dal nord a sud dell’Italia.

Questa prospettiva distorta ha portato a soluzioni inadeguate: le tendopoli, i vertici in Prefettura, la ricerca di soluzioni tampone, i marchi di qualità per chi non sfrutta (come se fosse un comportamento da premiare e non un requisito di base) e le retate contro i caporali. Tutte azioni in sé meritevoli ma che non hanno portato a una soluzione del problema.

L’imprenditore – specie in situazioni di crisi economica – è ancora considerato al di sopra della legge, perché porterebbe benessere al territorio. Tra l’altro, questo benessere è spesso fittizio o temporaneo. In ogni caso, il nodo del problema è il potere assoluto, cioè sciolto da ogni vincolo, delle aziende. E un modo di produzione che comprime i costi a scapito dei diritti di chi lavora.

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore della casa editrice “terrelibere.org”. E’ autore dei libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010) e "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Collabora con MicroMega, Repubblica.it, L'Espresso.