Dietro l'etichetta del supermercato Notizie Wall

Il caporale non viene dalla luna

Il ministro dell’agricoltura Martina, che avevamo sollecitato con la campagna #FilieraSporca, propone il misure patrimoniali per le aziende che usano i caporali e responsabilità delle imprese che ne beneficiano a valle. Un passo importante verso la contestualizzazione del fenomeno. E la sua soluzione

     

Il ministro dell’Agricoltura e quello della Giustizia hanno scritto una lettera a Repubblica in cui promettono azioni forti contro il caporalato.
Finalmente il fenomeno è contestualizzato nel sistema economico. Infatti Maurizio Martina e Andrea Orlando propongono «misure di prevenzione patrimoniale antimafia a chi si avvale di caporali, responsabilità dell’impresa che ne beneficia ‘a valle‘» e programmi di sostegno per il lavoratore che denuncia il caporale.

L’impresa che usa i caporali come l’impresa mafiosa. Lo diciamo da tempo. Occorre colpire lo strapotere delle aziende. Questo articolo di Internazionale propone lo stesso ragionamento: il caporalato fa parte del sistema economico.

Nel rapporto Filiera Sporca proponiamo, oltre alla “responsabilità solidale” delle aziende, anche l’elenco pubblico dei fornitori.

Finalmente, è aumentata la consapevolezza. Dopo trent’anni di morti, brutalità e gravissime violazioni dei diritti umani. Ma riguardavano gli africani nel Sud Italia.

Cosa è cambiato nel frattempo?

  1. il fenomeno è esteso al Nord e rischia di distruggere l’immagine del Made in Italy faticosamente costruita con Expo
  2. Riguarda anche gli italiani come avevamo scritto ne “La rosarnizzazione del lavoro
  3. Uccide come una guerra

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore di “terrelibere.org”, ha scritto i libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010), "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Ha collaborato con MicroMega e Repubblica.it. Attualmente scrive per l'Espresso.