“I ghetti? Al loro paese vivevano così”

  Luoghi comuni - 2. “In Africa sono abituati così”. È uno dei commenti più frequenti, da parte di italiani poco informati, di fronte a ghetti, accampamenti e luoghi degradati in cui vivono i migranti. Diventa così normale associare gli africani alle bidonville delle campagne italiane. E qualcuno finisce col pensare che gli africani non siano in grado di vivere in normali appartamenti.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“In Africa sono abituati così”. È uno dei commenti più frequenti, da parte di italiani poco informati, di fronte a ghetti, accampamenti e luoghi degradati.

Diventa normale associare gli africani alle bidonville delle campagne italiane. E qualcuno finisce col pensare che gli africani non siano in grado di vivere in normali appartamenti: “Al loro paese sono abituati così”. Niente di più falso. La causa viene scambiata con l’effetto.

Tantissimi migranti vivevano in case normalissime in cui tornavano al termine dell’orario di fabbrica. L’impoverimento è stato brutale. I lavoratori migranti hanno pagato per primi il conto della crisi.

Spesso, abbiamo di fronte un dramma operaio, la campagna diventa uno spaventoso passo indietro rispetto all’inserimento nelle realtà urbane del Nord Italia.
Per noi, tuttavia, esiste “l’Africa” ed esiste la povertà. E questo ci basta.

 Questa storia è stata letta 3620 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date