9268893673_da45ff3469_h

Hotspot. La fabbrica dei migranti irregolari

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
“We are all victims of polical games”. Migranti a Lampedusa


Siamo tornati indietro di dieci anni.
Quando dalle strutture dello Stato uscivano migranti undocumented. Li chiamavano “clandestini”, ma erano il prodotto di leggi prive di senso.

Con gli hotspot siamo tornati a quel paradosso. Una intervista sommaria nei centri di primo arrivo (Pozzallo, Lampedusa). La divisione arbitraria tra richiedenti asilo e migranti economici. Per questi ultimi, decreti di espulsione che non potranno essere applicati.

Uomini e donne incastrati nell’irregolarità. Non potranno lavorare in regola. Saranno braccia ricattabili per l’agricoltura e l’edilizia. Vivranno nel terrore di essere fermati.

Leggi il rapporto di Asgi e delle altre associazioni

L’inchiesta di Michele Sasso sull’Espresso

Questa storia è stata letta 2337 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »