Da Lampedusa ad Agrigento, l’hotspot è una fabbrica di irregolari

Foto No Border Network © Creative Commons
  L’hotspot di Lampedusa funziona come fabbrica di invisibili. I migranti, dopo il trasferimento in traghetto a Porto Empedocle, vengono lasciati sul territorio con il decreto di respingimento in tasca. Abbandonati e senza prospettive
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Foto No Border Network © Creative Commons
Foto (c) Sara Prestianni 

“Mamma stai tranquilla non piangere, io sto bene, sii felice perché adesso sono un uomo libero grazie a te, un giorno verrò a prenderti e staremo nuovamente insieme”.

Sono due giovani migranti ad Agrigento. Respinti a Lampedusa,  da due giorni vagano tra la stazione dei treni e dei pullman in cerca di aiuto e visto che la mamma di uno dei due pressa per avere notizie, hanno dovuto inventarsi una storia alternativa a quella reale, ovvero che la situazione in cui si trovano è buona, che adesso per loro c’è un’altra vita.

In Sicilia continuano respingimenti, trattenimenti illegittimi, mancato accesso alla protezione internazionale e abbandono sul territorio.

I problemi ad Agrigento arrivano da Lampedusa. L’hotspot di Lampedusa funziona come fabbrica di invisibili. I migranti, dopo il  trasferimento in traghetto a Porto Empedocle, vengono lasciati sul territorio con il decreto di respingimento in tasca. Abbandonati e senza prospettive.

Alcuni migranti incontrati alla stazione agrigentina ci hanno raccontato di essere stati lasciati tra Campofranco e Casteltermini, e cioè a più di 40 km da Agrigento. Sotto le intemperie e la fame sono arrivati ad Agrigento, dopo 3 o addirittura 5 giorni.

Leggi tutta la storia raccolta da Alberto Biondo per Borderline Sicilia

 Questa storia è stata letta 2941 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date