Basta “pacchia”, usciamo dal frame di Salvini

Manifestazione dopo lo sgombero di Piazza Indipendenza - Roma
  Non è facile uscire da un "frame". Ma non si può neanche restare nell'eterno "noi e loro", contrapporre le morti di Pamela a Soumayla, dire che sono buoni e sentirsi rispondere che sono cattivi, rimanere incastrati in un dibattito surreale e lasciare vincere chi è maestro nel condurre il gioco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Da quando il Ministro dell’Interno ha detto che per “i migranti è finita la pacchia”, non si parla d’altro. Da un lato c’è chi vuole dimostrare che non c’è mai stata, perché i migranti fanno una vita d’inferno. Dall’altra, c’è chi celebra l’affermazione salviniana.

Queste reazioni hanno una cosa in comune: rimangono nel “frame” disegnato da Salvini. Il leghista, infatti, ha ereditato da Berlusconi la capacità straordinaria di imporre l’agenda e i confini della comunicazione. Un esempio? Tutti siamo stati costretti a parlare della “pacchia”. Anche se si tratta di discussione senza senso.

Parlando di “migranti” ci riferiamo a una piccola parte della realtà, il richiedente asilo appena arrivato

Chi sono infatti i migranti? Ha un significato dire che i “migranti” stanno bene o male?
Di chi stiamo parlando? Senza saperlo, ci riferiamo al richiedente asilo “sbarcato” da poco e “ospitato” in un centro d’accoglienza. Ma dove sta scritto che il “migrante” è soltanto questo? Lo ha deciso Salvini, perché la sua propaganda parla solo di questo.

Poi si scopre che tra gli africani di Rosarno non ci sono soltanto “schiavi” e “disperati”, ma anche persone che provano a migliorare la propria condizione e quella degli altri. Tutti rimangono meravigliati.
E quanti conoscono i sindacalisti della logistica? In Italia ci sono lavoratori che lottano per tutti. Non importa che siano sudanesi, egiziani, italiani o peruviani. Sono una delle cose migliori che abbiamo.

La nazione è un concetto fluido. Per la Lega era la Padania, oggi è l’Italia

Proviamo a fare un esempio di “frame” differente: quello dei diritti universali.
Usciamo dallo schema della nazionalità (“noi italiani e i migranti”). Che tra l’altro è un concetto che la Lega disegna a piacimento: fino a qualche anno fa la loro patria finiva in Padania.

Non è facile imporre un quadro di riferimento. Ma non si può neanche restare nell’eterno “noi e loro”, contrapporre le morti di Pamela a Soumayla, dire che sono buoni e sentirsi rispondere che sono cattivi, rimanere incastrati in un dibattito surreale e lasciare vincere chi è maestro nel condurre il gioco.

 Questa storia è stata letta 1662 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date