A testa bassa con i boss, violenti con i profughi

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
«Hanno aggredito un anziano». La notizia gira per Lamezia, provincia di Catanzaro. È falsa, ma basta a scatenare l'odio contro i rifugiati accolti in un bene confiscato alla 'ndrangheta. Ma le stesse persone che inveiscono contro i migranti, convivono a testa bassa con i boss

Parole di odio e notizie false: come si costruisce un caso contro un centro per migranti. Don Giacomo Panizza era abituato alle pallottole e alle bombe della mafia, all’odio invece non era preparato. Il servizio di Valerio Cataldi per il Tg2

Lamezia, provincia di Catanzaro. In silenzio di fronte alla violenza mafiosa, aggressivi contro i profughi accusati in maniera falsa. Esiste uno spettacolo peggiore?

Questa storia è stata letta 1978 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »