Guatemala: assassinato giudice che indagava su narcotraffico

  Un giudice di un ‘pool’ anti-droga, José Victor Bautista Orozco, 52 anni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco ieri mattina mentre usciva di casa a San Pedro Sacatepéquez, 260 chilometri a ovest di Città del Guatemala.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Secondo il rapporto della polizia locale, alcuni testimoni avrebbero visto tre uomini avvicinarsi al giudice e sparargli a bruciapelo: per ora gli inquirenti non hanno formulato ipotesi sull’identità dei killer o dei mandanti dell’omicidio.

Bautista era l’unico membro del tribunale di Chiquimula a non aver chiesto una scorta, presumibilmente perché non si sentiva minacciato, ha detto in una conferenza stampa il presidente della Corte Suprema, Luis Fernandez. Bautista aveva prestato servizio negli ultimi 7 anni a Mazatenango, nel sud del Paese; appena un mese fa era stato chiamato a San Pedro Sacatepéquez per entrare in un ‘pool’ anti-droga, dedito alla lotta al narcotraffico nei dipartimenti di Izabal, Chiquimula, Zacapa, Jalapa e El Progresso, nell’est del Guatemala.

Nonostante facessero parte del ‘pool’ magistrati già bersaglio di intimidazioni e minacce, Bautista non aveva voluto un guardaspalle.

[FB] – GUATEMALA 26/4/2005

 Questa storia è stata letta 1504 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto