L`ex presidente dell`Atletico Madrid non è riuscito a riprendersi dall`embolia cerebrale sofferta domenica e ha cessato di vivere nel tardo pomeriggio di venerdì in una stanza della clinica CEMTRO di Madrid.

     

Aveva settantuno anni e dal giugno del 1987 al maggio dello scorso anno aveva occupato con qualche interruzione la poltrona di numero uno del club biancorosso.
L`azionista di maggioranza ed ex presidente dell`Atletico Madrid, Jesus Gil, è morto oggi in seguito all`ictus che lo aveva colpito lo scorso 9 maggio mentre si trovava nella sua casa di Toledo. A renderlo noto è stata la clinica Cemtro di Madrid. Jesus Gil, è stato uno degli uomini più discussi e chiacchierati della storia recente del calcio spagnolo, ma non solo. Il maggior azionista dell`Atletico si è infatti distinto in vari campi: da sindaco di Marbella a presidente mangia allenatori, il focoso patron dei “colcheneros” si è trovato più volte implicato in affari discutibili. Il suo anno d`oro, come presidente dell`Atletico, è stato il 1996, quando nella stessa stagione, festeggiò l`accoppiata Liga-Coppa del Re. Poi i periodi bui: la seconda divisione per l`Atletico, l`arresto per lui. Gil si è sentito male la mattina del 9 maggio nella sua casa di campagna a causa di una embolia. Le sue condizioni sono apparse subito gravi, tanto da rendere necessario prima l`intubazione e poi la somministrazione di forti dosi di sedativo; nel corso del pomeriggio di giovedì 13 maggio a Gil è stata anche data l`estrema unzione da parte di Jose Millan, cappellano della clinica Cemtro di Madrid. Oggi il triste annuncio della sua morte.

Sull'autore