Ecuador: governo proclama stato d`emergenza nella capitale

  Il presidente della Repubblica Lucio Gutiérrez ha proclamato lo stato d’emergenza nella capitale Quito e nell’intera provincia di Pichincha, sospendendo inoltre l’attività della Corte suprema di giustizia.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

L’intera città di Quito è stata dichiarata “zona di sicurezza” dal capo dello Stato, che ha vietato ogni manifestazione dopo quelle degli ultimi giorni e, in particolare, il ‘cacerolazo’ (una sorta di ‘concerto di pentole e coperchi’) inscenato ieri da migliaia di manifestanti.

Apparso in televisione, Gutiérrez si è limitato a spiegare che la crescente tensione degli ultimi giorni lo ha spinto a prendere questa drastica decisione, di fronte alla presunta volontà dei partiti di spartirsi i seggi nella Corte suprema. Il presidente ha inoltre confermato pubblicamente la sua volontà di riformare il Paese, anche assumendosi rischi personali.

È proprio la Corte suprema il nodo che ha provocato – esasperando soprattutto gli strati più deboli della popolazione a cominciare dagli indigeni, delusi dalla politica presidenziale – le crescenti proteste delle ultime settimane, esplose da quando, lo scorso 8 dicembre, il presidente ha deciso di rimuovere dall’incarico 27 dei 31 membri della Corte suprema dopo che la maggioranza in Parlamento aveva votato un provvedimento di riforma dell’istituzione, suscitando molti dubbi anche a livello internazionale.

Nonostante la proclamazione dello stato d’emergenza, migliaia di persone sono comunque rimaste nelle strade della periferia di Quito per manifestare la loro disapprovazione alla politica presidenziale. Per i prossimi giorni sono state annunciate dall’opposizione iniziative di protesta.

[LL] – ECUADOR 16/4/2005

 Questa storia è stata letta 2420 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto