Asia: sei nazioni si impegnano contro traffico esseri umani

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Una stretta collaborazione per sconfiggere il traffico di essere umani nella regione del Mekong è stata promessa da Cambogia, Cina, Laos, Myanmar (ex Birmania), Thailandia e Vietnam, in un vertice su questo argomento conclusosi a Hanoi.

Esponenti governativi e ufficiali delle forze di sicurezza dei sei Paesi asiatici hanno garantito collaborazione “sulle indagini e per le condanne dei trafficanti, e sull’assistenza alle vittime per il ritorno a casa”. Durante l’incontro, a cui hanno partecipato anche Paesi donatori, diplomatici e organismi internazionali, Jordan Ryan, rappresentante per il Vietnam dell’Undp (Programma per lo sviluppo delle Nazioni Unite), ha affermato che “la regione del Mekong è uno dei luoghi più ‘caldi’ del pianeta per il traffico di esseri umani”.

Ricordando che il fiume Mekong nasce dai ghiacciai tibetani e scorre per circa 4500 chilometri – attraversando le piane tailandesi, del Laos, della Cambogia e sfociando in Vietnam – Ryan ha sottolineato che l’economia in crescita nella regione ha approfondito il divario tra ricchi e poveri; a questo vanno ad aggiungersi le attività criminali che “spesso colpiscono i soggetti più vulnerabili come donne, bambini e persone molto povere”.

Secondo l’Unicef sono 200.000 le vittime del traffico di esseri umani in Asia. In generale, nel mondo, la stima delle persone soggette a traffico va dalle 500.000 ai 4 milioni ogni anno. In Cina e Vietnam i trafficanti rischiano la pena di morte, in Myanmar l’ergastolo, in Laos, Cambogia e Thailandia dai 20 ai 50 anni. (Fonte: Misna)

 Questa storia è stata letta 1866 volte

Il libro / Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Tra breve riprenderanno le presentazioni del libro. Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto