Stati Uniti annunciano fine embargo armi a Guatemala

  La Casa Bianca ha messo fine all’embargo sulle armi imposto dal 1990 al Guatemala, sbloccando 3 milioni e 200.000 di dollari di aiuti destinati all’acquisto di materiale bellico a favore del governo del presidente Oscar Berger.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

lo ha annunciato il segretario alla Difesa statunitense Donald Rumsfeld, in visita ufficiale a Città del Guatemala, elogiando il capo dello Stato per gli sforzi profusi dalle autorità nella riforma delle forze armate e nella tutela dei diritti umani.

Berger ha inteso le parole di Rumsfeld “come un riconoscimento del governo degli Stati Uniti alla nostra volontà di modernizzare e professionalizzare il nostro esercito”.

Di fatto, a quasi 9 anni dalla fine della feroce guerra civile che ha sconvolto il Paese, con un bilancio di almeno 200.000 vittime tra morti e ‘desaparecidos’, “persistono in Guatemala grandi diseguaglianze sociali; risulta inquietante che la discriminazione tra gruppi etnici continui a prevalere” come ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan nel messaggio inviato a Berger nel novembre scorso, in occasione della fine del mandato della Missione di verifica degli accordi di pace dell’Onu (Minugua).

Secondo Tom Koenigs, già capo della Minugua, i governi succedutisi in Guatemala dopo la fine del conflitto non hanno risolto gravissimi squilibri sociali, come la discriminazione verso gli indigeni – stragrande maggioranza della popolazione – e la povertà cronica: “problemi che minacciano di sfociare in una sollevazione popolare”.

Le associazioni in difesa dei diritti umani, che solo nel 2004 hanno raccolto oltre 30.000 denunce di violenze, abusi e omicidi, denunciano l’impunità di cui ancora godono ex-gerarchi e militari che si resero responsabili di massacri e spostamenti forzati della popolazione civile. A questo riguardo, hanno espresso sconcerto per la decisione di Berger di compensare gli ex-paramilitari delle Pattuglie di autodifesa civile (Pac) – accusate di efferate violenze – con i soldi destinati a un fondo di risarcimento per le vittime della guerra.

[FB] – GUATEMALA 25/3/2005

 Questa storia è stata letta 1387 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto