Cominciano le prime ritorsioni ai blocchi della Raffineria

  I primi a ricevere le lettere di licenziamento sono stati 15 lavoratori della Riva e Mariani. A rischio 90 operai Ecorigen. Buste paga inferiori a 200 euro per i metalmeccanici Smim. Per assicurare la sicurezza degli impianti precettati 200 lavoratori. Sciopero unitario per le raffinerie a rischio fissato il 29 luglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
contro_chiusura_raffineria
Fotografia di Miriam Alé

GELA – “Non avevo mai pianto prima  – confessa un lavoratore. La notizia è giunta del tutto inaspettata. Un giorno sono al lavoro, il giorno dopo a lottare per difendere il mio posto a rischio. E l’indomani al presidio vengo a scoprire che mi è arrivata la lettera di licenziamento”. A parlare è uno dei 15 dipendenti della Riva e Mariani, una delle ditte più conosciute dell’indotto della Raffineria di Gela. Proprio mentre era a uno dei presidi ha ricevuto, lui come altri 14 colleghi, la lettera di risoluzione del rapporto di lavoro a decorrere dal 12 luglio.

Sono le prime conseguenze dei blocchi della Raffineria. Le imprese corrono in questo modo ai ripari di fronte la sospensione prolungata degli stabilimenti e l’incertezza futura. Ora a rischio ci sono i lavoratori Ecorigen: 90 posti di lavoro equamente suddivisi tra diretto e indotto. Lo scenario si fa via via più drammatico. Aumentano le tensioni. Per i lavoratori della Smim impianti, sempre in prima linea, c’è anche la beffa. Già molti in cassa integrazione, i metalmeccanici hanno ricevuto buste paga leggerissime. Stipendi inferiori a 200 euro, comprensivi del bonus da 80 euro previsto dal governo Renzi. “Almeno per questo weekend sono a posto”, commenta sarcastico Vincenzo.

Mentre un gruppo rimaneva ai presidi una delegazione è corsa a Caltanissetta. Per un incontro urgente col prefetto Carmine Valente. Che ha promesso di risolvere la situazione entro la prossima settimana. “Il consiglio di rivolgerci al prefetto – confessa Franco – mi è stato dato da Giovanni Cravana”. Consigliere comunale balzato dal PDL al PD e allo stesso tempo dirigente Smim. Ci sarebbe un triplo conflitto d’interesse con salto carpiato, ma fa lo stesso.

Intanto 200, tra turnisti di raffineria ed operatori di Enimed, sono i lavoratori precettati dal prefetto Valente. “La decisione – si legge nel sito quotidianodigela.it – scaturisce dai timori espressi, anche davanti al prefetto nisseno, dai manager della raffineria di contrada Piana del Signore. I mancati cambio turno, infatti, eleverebbero il rischio di gravi incidenti in fabbrica”.

Una decisione necessaria ma che rischia di acuire i nervi degli operai. Se n’è avuta la prova la scorsa notte, quando le forze dell’ordine hanno provato a forzare un blocco per far passare i primi lavoratori precettati. Chi era ai blocchi racconta che sono stati gli stessi lavoratori a desistere. Ma la situazione rischia di ripetersi e non potrebbe sempre andare così bene.

Intanto è stato fissato dai sindacati per il 29 luglio uno sciopero unitario per tutte le raffinerie a rischio chiusura. A Gela se ne terrà uno specifico giorno 28. Tra gli altri sarà presente la segretaria nazionale della CGIL Susanna Camusso.

 

 Questa storia è stata letta 3186 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date