Offensiva militare ONU in Congo contro gruppi armati

  Una vasta operazione militare è stata lanciata dai soldati della missione di pace dell’Onu nella Repubblica democratica del Congo nella provincia orientale dell’Ituri, dove lo scorso 25 febbraio ribelli locali uccisero 9 caschi blu del Bangladesh.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Lo ha detto il tenente colonnello Dominique Demange, portavoce militare del contingente dell’Onu. L’offensiva – condotta anche con l’uso di elicotteri d’attacco Mi-25 e mezzi blindati – è avvenuta nella zona di Penie, circa 25 chilometri a nord-est di Bunia, capoluogo dell’Ituri. Secondo la stessa fonte, vi avrebbero preso parte circa 6-700 militari della forza di pace.

Lo scorso 1 marzo, nel villaggio di Loga, i caschi blu avevano ucciso una sessantina di ribelli, appartenenti al Fronte nazionalista e integrazionalista (Fni), il gruppo armato accusato della strage dei soldati dell’Onu. L’episodio aveva provocando non poche polemiche, perché secondo la comunità locale Lendu erano stati uccisi civili; la missione ONU non era stata in grado di confermare né smentire questa circostanza.

La zona è una roccaforte del Fni, che la Monuc accusa anche di crimini contro l’umanità per le vessazioni compiute contro la popolazione civile. L’Ituri è ricco di risorse minerarie, in particolare di oro; da anni le bande armate ribelli se ne contendono il controllo. Secondo l’Onu, durante la guerra del 1998-2003, gli scontri tra gruppi ribelli in questa provincia hanno provocato 50.000 vittime e mezzo milione di sfollati.

[EB] – CONGO-DEM.REPUBLIC 11/3/2005

 Questa storia è stata letta 1534 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto