A Saravena, alla frontiera nordorientale con il Venezuela, giungeranno il mese prossimo 10 elicotteri da combattimento e 60 soldati e militi privati statunitensi.

     

I reparti saranno impegnati nella vigilanza dell’oleodotto Caño Limón-Coveñas della societá petrolifera `Occidental Petroleum Company`.

Gli aiuti militari degli Stati Uniti saranno garantiti nell´ambirto del cosiddetto ‘Plan Escudo’, un programma ufficialmente destinato alla sicurezza della struttura, concepito e realizzato da Stati Uniti e Colombia, dopo aver provveduto all’addestramento degli uomini necessari, entra cosi’ nella sua seconda e presumibilmente ultima fase.

Da Saravena saranno coordinate tutte le operazioni di difesa dell’oleodotto e le offensive contro il decimo fronte delle Forze armate rivoluzionarie (Farc) e il fronte `Domingo Laín` dell’Esercito di liberazione nazionale (Eln), i due gruppi armati a cui è attribuita la responsabilità della maggior parte degli attacchi contro l’impianto petrolifero; anche se negli ultimi tempi sono comparsi nella zona anche gruppi paramilitari di ultradestra.

Gli impianti petroliferi in Arauca sono stati bersaglio di circa 2.000 attentati guerriglieri dal 1986.

Lungo 740 chilometri, l’oledotto Caño Limón-Coveñas e’ la piu’ importante struttura del genere nel paese.

Sull'autore