Cuba: danni per 1.000 milioni di dollari a causa della siccitá

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Nella regione orientale di Hulguín i contadini si sono dotati di trapani perforanti e, dopo il lavoro, scavano freneticamente pozzi alla ricerca di qualche goccia.

Le perdite agricole stanno ormai sfiorando i 1000 milioni di dollari (834 fino a questo momento) perché a Cuba non piove quasi più da un anno e mezzo e persino l`industria della canna da zucchero è in ginocchio. Gli studi meteoreologici dell`isola caraibica concordano che si tratta della peggiore siccità degli ultimi cinquant`anni a Cuba.

L`emergenza con la quale e` alle prese Fidel Castro sta assumendo aspetti preoccupanti, al punto che il governo ha deciso di riavviare esperimenti rimasti finora nel cassetto per produrre pioggia artificiale.

Un primo programma di questo tipo aveva avuto il via libera da Fidel Castro durante gli anni Ottanta, con l`appoggio economico dell`ex Urss. Ora gli specialisti del Centro di Fisica dell`Atmosfera dell`Istituto di Meterologia hanno rispolverato il progetto e gli esperimenti si svolgono in un`area della provincia di Camaguey.

La zona più colpita dalla siccità è proprio quelle ad est dell`isola, ma i problemi si stanno estendendo anche al centro e ad ovest. Fino a questo momento sono stati danneggiati dalla penuria di pioggia 28.160 ettari di coltivazioni, mentre altri 40mila sono parzialmente compromessi.

 Questa storia è stata letta 1118 volte

Il libro / Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Tra breve riprenderanno le presentazioni del libro. Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto