La guerra permanente

Comunicato su rapimento di Giuliana Sgrena

  Il testo del comunicato divulgato oggi da Luisa Morgantini, pacifista e parlamentare europea.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COMUNICATO – Giuliana Sgrena non è una giornalista d`assalto, non vuole “scoop”, lavora in profondità e racconta la quotidianità degli orrori delle guerre e delle violenze, ma anche la speranza e le azioni di tante donne e uomini che ogni giorno resistono e continuano a lavorare, ad andare a scuola.

Va in luoghi difficili, ma non è mai stata “irresponsabile”. Il suo non è solo racconto quotidiano, è analisi, denuncia, è fare la giornalista credendo che la verità, con le sue sfaccettature, sia indispensabile. Con i suoi articoli e i suoi libri, con la sua vita, dona a tutte e tutti noi strumenti per uscire dalla dicotomia degli assi del bene e del male, per affermare il diritto di cittadinanza nel mondo con giustizia e pace.

Di certo non appartiene alla categoria dei giornalisti o giornaliste conformisti o “embedded”. Essere giornalista del Manifesto implica sacrifici, una dedizione e una visione del mondo dalla parte degli oppressi, dei discriminati.

Giuliana è minuta, non alza la voce, determinata. Veniamo tutte e due dalle montagne della Val d` Ossola. I nostri due padri erano partigiani nelle brigate Garibaldi. Abbiamo lasciato le montagne della Val d`Ossola per attraversare i confini.

In tanti luoghi, dall` Algeria, alla Palestina, all`Iraq, all`Afghanistan, ci siamo sostenute a vicenda. Ci lega una solidarietà profonda.

Ogni cosa per liberarla, chiunque siano i rapitori.

Giuliana tornerà da noi e con la sua voce piana, e con ironia ci racconterà che le è successo qualcosa di “buffo”, ma sono sicura che ci porterà nuovi strumenti per capire cosa avviene in Iraq.

Nel frattempo noi continueremo a sostenere tutti quegli iracheni che vogliono vivere liberi e con dignità, liberi dall`occupazione militare, liberi dalle bombe, siano esse della resistenza o dei terroristi.

LUISA MORGANTINI (Parlamentare europea, Donne in Nero, Associazione per la pace), Roma, 4 febbraio 2004

 Questa storia è stata letta 1990 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date