Latinoamerica

Bolivia: i sindacati chiedono le dimissioni del presidente

  I sindacati di Santa Cruz scioperano contro l`aumento del prezzo del combustibile, mentre i ‘campesinos’ de El Alto (La Paz) si dichiarano pronti a marciare sulla capitale per protesta contro la politica economica del governo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Si è concluso con la richiesta delle dimissioni del capo dello Stato Carlos Mesa lo sciopero di 48 ore convocato dai principali sindacati regionali a Santa Cruz, considerata il ‘motore economico’ della Bolivia: il ‘comitato civico’, sceso in piazza per protestare contro il recente aumento del prezzo del combustibile tra il 10 e il 23%, ha rilanciato la battaglia per ottenere l’autonomia, sostenendo che “Mesa è inadatto a governare”. Di fronte al rifiuto del presidente di tornare sui propri passi, i promotori dello sciopero hanno minacciato nuove agitazioni nei prossimi giorni.

L’altro fronte della protesta, concentrato a El Alto, sull’altopiano della capitale, ha ottenuto invece dal governo l’impegno a rivedere il contratto siglato nel 1997 con l’impresa ‘Aguas del Illimani’, filiale della multinazionale francese ‘Suez Lyonnaise des Eaux’, accusata di essere incorsa in gravi disservizi e aver incrementato arbitrariamente le tariffe per l’erogazione dell’acqua potabile, a cui attualmente non hanno accesso oltre 40.000 famiglie della zona.

La decisione non è bastata a convincere i ‘campesinos’ dell’altopiano, guidati da Felipe Quispe, pronti a marciare su La Paz da lunedì prossimo contro la politica economica del governo. Secondo il massimo dirigente dell’opposizione e capo dei ‘cocaleros’ (produttori di coca) del Chapare, Evo Morales, se Mesa non revocherà gli aumenti di benzina e gasolio “sarà necessario andare subito a nuove elezioni”. [FB]

Bolivia, 14/1/2005

 Questa storia è stata letta 1252 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date