Neotradizionalisti, il trionfo della viltà

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
La delusione di molte speranze di progresso apre le porte ai cantori della tradizione, un valore esaltato acriticamente - in primis dai leghisti - e che spesso nasconde paure e viltà, restaurazioni e difese di privilegi, ottusità inamovibili o - più semplicemente - una profonda ignoranza...

C`è un segno infallibile dei tempi, ed è che la parola `tradizione` (che in sé è neutra, ci sono tradizioni ottime e tradizioni nefaste) viene adoperata esclusivamete in senso positivo.

Difendere le proprie tradizioni, onorare le proprie tradizioni, è diventato una specie di passe-par-tout che giustifica, in sé, qualunque opinione o atto.

E` un po` il rovesciamento di quel pregiudizio culturale di epoca precedente, quello secondo cui il `progresso` era comunque sinonimo di miglioramento.

Opinione che la storia umana, purtroppo, non si è premurata di assecondare: la storia non è storicista…

Ora, per contraccolpo, pare che non sussistano dignità e identità culturale senza che ci si abbarbichi alle `tradizioniì: ed è il tipico contraccolpo (reazionario e restauratore) alle delusioni del `progresso`.

Forse perché non mi aspettavo poi molto dal progresso, mi aspetto ancora meno dallo zelo neo-tradizionalista.

Che mi pare serva, spesso, soprattutto per ribadire pregiudizi tignosi, prepotenze vecchie e nuove, ottusità inamovibili.

Penso che moltre tradizioni andrebbero corrette, ed altre ancora le vedrei volentieri distrutte e dimenticate per sempre.

L`orrendo detto `non si lascia la via vecchia per la nuova`, epigrafe di tutte le prigrizie e le viltà, è un ottimo slogan per i neotradizionalisti.

Questa storia è stata letta 1740 volte
Il libro / Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »