Quanto pagate le arance a Rosarno o a Corigliano?

  Nessuna risposta all`unica vera domanda: quanto vengono pagate le clementine, a Rosarno come a Corigliano? Poco importa che si tratti di agrumi o di pomodoro, di Calabria o di Sicilia o di Puglia e Campania, di fresco o di prodotto lavorato nei conservifici. Il meccanismo è uguale. Il male parte sempre dalla testa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

In seguito alla nostra denuncia, Coop risponde con argomenti prevedibili, spostando il problema invece di affrontarlo.

L`unica risposta che Coop può dare e non dà mai è quanto concretamente ed esattamente vengono pagati al produttore sul campo – non a intermediari vari ed eventuali, locali o nazionali – i frutti venduti sui banchi dei suoi esercizi. Poco importa che si tratti di Rosarno o di Corigliano, della piana di Gioia Tauro o della Sibaritide, quando sono identici i meccanismi che attraverso l`imposizione dei prezzi di vendita alla fonte implicano lo strozzamento della piccola agricoltura e il ricasco sull`ultimo anello, i braccianti, del peso enorme di tutta la catena di sfruttamento e speculazione che dai campi arriva fino ai banchi dei supermercati.

Ancora poco importa che si tratti di agrumi o di pomodoro, di Calabria o di  Sicilia o di Puglia e Campania, di fresco o di prodotto lavorato nei conservifici… il meccanismo è uguale. Il male parte sempre dalla testa! Dire che Coop non compra più a Rosarno è molto grave. In ossequio al sensazionalismo giornalistico demonizzante Coop vorrebbe “cacciare dal paradiso” dei suoi canali di distribuzione i cattivi rosarnesi e continuare allo stesso identico modo in zone come Corigliano e la Sibaritide in generale – l`unica altra da cui possono rifornirsi – in cui conosciamo come, mutatis mutandis, la sostanza dello sfruttamento bracciantile non cambi.

È ancora più grave che si risponda criminalizzando un territorio di frontiera, che vive nell`abbandono totale da parte delle istituzioni un fenomeno imponente di disagio sociale stagionale che si somma a quello già presente in un`area depressa come questa. Demonizzare chi sta coi piedi nel fango per lavare la coscienza di chi, in alto, porta le responsabilità di governo dell`intera filiera è una professione troppo facile e consueta, per chi come Coop mette insieme il fare trade e il made in Italy fabbricato sul sudore dei moderni servi.

Allo stesso scopo e non altro servono i protocolli che Coop fa firmare ai produttori come pure gli attestati, quando non prevedono a premessa l`equità dei prezzi riconosciuti ai produttori e la trasparenza per i consumatori. Questa l`unica “responsabilità sociale” utile verso chi, penultimo e ultimo anello della catena, piccoli contadini e braccianti, ne sopporta tutto il peso.

L`aritmetica viene prima degli attestati di Consumers Internationale i disciplinari SA8000. Poco valgono i controlli di carta, quando basta non segnare le giornate per sfruttare manodopera sostanzialmente a nero anche se formalmente impiegata. Senza i numeri, le garanzie di Coop non hanno alcun fondamento. Si legge in un comunicato ufficiale diramato dall`azienda che “Nel 2010 è stato ulteriormente intensificato il presidio sulla filiera delle clementine in Calabria. Anche nelle campagna 2011/2012/2013, pur in assenza del clamore mediatico, abbiamo proseguito con le verifiche  e col rilevare e risolvere i problemi che eventualmente si presentano, perché dietro al marchio Coop l’impegno è concreto e continuo”.

Ci dicano allora una volta per tutte quanto viene pagata ai produttori, sul campo, di norma, al di là delle eccezioni di Natale, la frutta che Coop vende nei suoi esercizi. O meglio, se per “riservatezza” non si vogliono rivelare queste informazioni, si creino seriamente canali di commercializzazione etica in cui, dietro garanzie di assunzione regolare e regolare retribuzione della manodopera, si pratichi un prezzo davvero equo e sostenibile ai produttori e si realizzi la trasparenza esponendo negli esercizi quanto loro viene riconosciuto e quanto il margine per Coop. Restiamo a disposizione per qualunque confronto.

L’11 gennaio a Roma, Livorno, Firenze, Bologna e Milano tutti davanti alla Coop

 Questa storia è stata letta 3798 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto