Rosarno, la tendopoli nel fango firmata Ministero dell’Interno

Antonello Mangano
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Mille persone in una tendopoli che non gestisce nessuno, con acqua fredda e senza elettricità. Sotto le tende della Protezione civile si rischia di morire per le dure condizioni come accaduto a Dominic Addia, un ragazzo liberiano fuggito alla guerra in Africa e morto di freddo in Europa. Eppure la povertà non è il destino degli africani, è l`effetto del sistema dello sfruttamento che si estende sempre più

ROSARNO (RC) – «Quando vivevo in un un casolare nelle campagne, senz’acqua, dovevo trasportare i bidoni per molti metri. Allora vedevo i miei tre bambini e loro mi davano la forza». Lamine Bodian oggi fa il mediatore culturale e presiede Africalabria, la prima associazione nata dall’incontro tra africani e attivisti del luogo. Ma non ha dimenticato quando il pensiero dei suoi figli in Senegal gli dava la forza per andare avanti.

Eppure Bodian, nell’immaginario comune, è un africano bisognoso di carità. «Noi non siamo poveri, siamo ricchi con il cuore», dice con orgoglio. E spiega i numeri dello sfruttamento: 25, 100, 300. Il primo è la paga giornaliera in euro, immutata nel tempo, crisi o vacche grasse (cioè truffe europeee). Cento è il costo medio mensile di un posto letto in appartamento nel centro del paese. Considerando che in una casa possono starci fino a 10 persone, un proprietario incassa 1000 euro per quello che – in condizioni normali – affitterebbe a 300.

Anche trecento è un numero che gli africani conoscono bene. È il costo medio di una pratica al mercato nero dei permessi di soggiorno. Dopo la rivolta del 2010 il numero degli irregolari è diminuito drasticamente. Grazie alla maggiore concessione di permessi umanitari, all’arrivo di lavoratori regolari dal Nord, al costante flusso di richiedenti asilo arrivati a Lampedusa e transitati dai Cara. Tutti gli altri devono pagare. In assenza di sanatorie, lo Stato non concede una porta di ingresso ma chiude gli occhi sui finti contratti di lavoro e le scappatoie possibili. 

La causa e l’effetto

Bodian è appena tornato da un incontro alla sede Fao di Roma. È uno dei protagonisti del progetto delle “arance eque”, un’alternativa al sistema dello sfruttamento. Fatica a sconfiggere l’immaginario diffuso secondo cui un africano è povero di per sé, vive per forza di cosa in condizione degradate e ha bisogno di elemosina.

Una cosa è la causa, un’altra l’effetto. Prendiamo le condizioni abitative. In pochi possono permettersi cento euro al mese, considerando che non sai quante giornate di lavoro riuscirai a fare. E così si cerca posto alla tendopoli. Le strutture blu della Protezione civile non sono gestite da nessuno. Chi è arrivato prima si è installato. C’è freddo, non c’è elettricità né acqua calda. Quando piove è un delirio di fango. I posti non sono sufficienti e al momento ci sono oltre mille persone, molte delle quale sistemate con baracche autocostruite.

Il paradosso è che tutto avviene sotto le scritte del Ministero dell’Intero, divisione Protezione civile. Non ci sono soldi e gli africani sono aiutati dalla tradizionale generosità della gente del posto. Questi interventi impediscono che i braccianti muoiano ogni giorno di stenti, ma non hanno salvato Dominic Man Addia, un ragazzo liberiano che non è morto genericamente di freddo.

È morto di malasanità, come denunciato dai suoi compagni, che non accettano quello che per altri è normale. È morto per la sciatteria dello Stato che mette il suo logo su una tendopoli in totale condizione di abbandono. È morto perché i veri invisibili delle campagne (commercianti, grandi aziende, grande distribuzione) scaricano i costi sugli ultimi anelli della filiera. Si può sfuggire a una guerra africana e poi trovare la morte nel freddo di un distretto agricolo italiano. Uccisi una prima volta dal sistema dello sfruttamento, che non dobbiamo chiamare “emergenza”; la seconda dall’idea che sei africano dunque povero.

Questa storia è stata letta 3524 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »