Tre storie da Nord a Sud (Milano, Napoli, Messina) rivelano un giornalismo molto diverso dal senso comune. Alle minacce delle criminalità si aggiungono le querele pretestuose, le richieste di risarcimento danni, lo sfruttamento diffuso che colpisce in particolare i freelance. Tra le poche risposte concrete, al di là della retorica e delle pacche sulle spalle, lo sportello antiquerele di Libera.

    RaiNews

    LiberaInformazione

    Di Mario Sanna
    Montaggio Pino Delli Paoli

    Sono stati oltre 300 i giornalisti che nel 2012 hanno subito minacce in Italia secondo una ricerca dell’Osservatorio Ossigeno per l’informazione. Praticamente uno al giorno. Nell’ordine le situazioni più comuni sono le minacce, gli avvertimenti verbali e fisici, le azioni legali, le aggressioni e i danneggiamenti. Molti dei giornalisti colpiti sono giovani precari, forzatamente indipendenti. Una condizione che ancora di più non consente di tutelare i cronisti di fronte a forme di intimidazione usate come censura preventiva. Come nelle storie professionali e nelle vicende umane che raccontiamo in questa inchiesta.

    Questa storia è stata letta 5221 volte