Il candidato 5 Stelle: Roma è una kasbah, via i commercianti extracomunitari

Antonello Mangano
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Il candidato alla presidenza del primo municipio scrive su un foglio di propaganda elettorale che Roma è diventata una «kasbah» per colpa degli ambulanti extracomunitari. Il candidato sindaco dice che quelli che vendono l`ombrello per strada «sottraggono il 30 per cento di fatturato ai commercianti». Come la Lega, il movimento di Grillo sfrutta le paure della gente e indica il solito nemico: lo straniero.

 ROMA – Una città che diventa «kasbah», mani complici e sporche, extracomunitari che vendono cibo di bassa qualità di fronte ai monumenti. Non è l’ennesimo volantino leghista ma un articolo firmato del candidato presidente del primo municipio romano, Tiziano Azzara. Candidato del Movimento 5 Stelle.

L’articolo è pubblicato su «La voce dei cittadini», foglio su quattro facciate fotocopiate distribuito come propaganda elettorale a Prati-Centro Storico, il cuore monumentale della Capitale. E se il programma ufficiale dei grillini è generico, i contenuti rivolti al potenziale elettorato non lasciano spazio a dubbi: «Una città violata da migliaia di mani complici e sporche, come quelle che stanno dietro il commercio ambulante». «Camioncini e bancarelle sono il nauseante fiore all’occhiello di questa città che vorremmo trasformare con decoro e legalità». La colpa è ovviamente degli «extracomunitari in subaffitto che vendono cibarie e merci di bassa qualità» dando «l’immagine di una Kasbah».

In una intervista concessa a «MicroMega», il candidato sindaco Marcello De Vito dichiara: «Ha presente quelli che vendono l’ombrello per strada alle prime gocce di pioggia? Sottraggono il 30 per cento di fatturato ai commercianti». De Vito, durante le primarie Pd, aveva accusato i Rom di vendere i propri voti. Dunque il «Movimento» punta sui luoghi comuni xenofobi e sulla contrapposizione tra commercianti stranieri e italiani, che attribuiscono ai migranti gli effetti della crisi.

Grillo era stato già accusato di razzismo dopo alcuni post inequivocabili. «Una volta i confini della Patria erano sacri, i politici li hanno sconsacrati» scrive contro i Rom, dopo l’ingresso della Romania nell’Unione Europea; e poi contesta la cittadinanza dei migranti nati in Italia, che favorirebbe gli xenofobi per la «paura della ‘liberalizzazione’ delle nascite»; ancora, è contro gli arrivi di stranieri: «Dove li mettiamo? Con che risorse li gestiamo? Gli daremo una casa, un lavoro?». Infine, durante uno spettacolo: «Vuoi dare una passatina a un marocchino che rompe i coglioni? Lo prendi, lo carichi in macchina, senza che ti veda nessuno, lo porti un po’ in caserma e gli dai due schiaffetti».

A Pontedera, il locale circolo aveva rifiutato pubblicamente di aderire a una manifestazione antirazzista in risposta a «Forza Nuova» affermando che dove ci sono gli immigrati «una donna non può camminare tranquilla la sera» e che gli stranieri «si stipano in appartamenti sempre più microscopici una quantità insopportabile di persone».

Tra l’altro, nelle grandi città, anche gli italiani precari tendono a condividere appartamenti e a volte anche stanze. Ma lo chiamano «cohousing» e nessuno sognerebbe di associare la propria condizione a quella dei degradati «extracomunitari».

Nel celebre articolo pubblicato dopo la vittoria elettorale, i Wu Ming avevano definito «di destra» il partito di Grillo perché contrapponeva un «noi» a un «loro». E «loro» sono sempre esterni. E sono arrivati a contaminare la nostra purezza. Era quello che diceva la Lega. Due giorni fa è stato arrestato – per voto di scambio in un`inchiesta di mafia – un sindaco del palermitano che si era candidato alle ultime politiche nazionali sotto il simbolo di Alberto da Giussano.

Questa storia è stata letta 5467 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »