Qualche impegno e 900 firme. Ma la questione vera è lo sfruttamento sul lavoro

Il bilancio finale della nostra campagna per Rosarno

Redazione terrelibere
  Un intervento tardivo alla tendopoli e l`impegno di alcuni partiti. Poco per dichiarare una vittoria, abbastanza per ripartire da un punto fermo: Rosarno è da anni il laboratorio dello sfruttamento lavorativo e il simbolo della ribellione a condizioni estreme. Se i migranti ottengono migliori condizioni di lavoro, queste vanno a beneficio automaticamente di tutti i lavoratori italiani.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Novecento firme raccolte, l’impegno dei candidati di SEL e Rivoluzione Civile (inclusi i leader), un intervento del governo tardivo e contraddittorio ma comunque reale (l’allargamento della tendopoli). Abbiamo contribuito a presentare sui media la questione nelle sue giuste dimensioni: non emergenza umanitaria ma conseguenza dei meccanismi di sfruttamento. Abbiamo contrastato la campagna basata su pietismo e allarmismo.

Alla fine il bilancio della nostra campagna (“Non vi voteremo senza il vostro impegno su Rosarno”) potrebbe sembrare positivo. Ma lo è solo in parte. Rimane la sensazione che la questione Rosarno (e tutte quelle collegate, inclusi i casi di grave sfruttamento al Nord) non sarà risolta senza una corretta percezione del fenomeno. Non lo colgono i politici che non hanno aderito (grande assente il PD). Gli africani non votano: e dunque non sono al centro delle agende dei partiti. I candidati che hanno aderito sono anche quelli che si occupano da tempo di immigrazione, conoscono i termini della questione e la rilevanza che ha assunto nel tessuto sociale.

Allo stesso modo, anche i tantissimi cittadini che hanno firmato ci hanno lasciato testimonianze significative, sul dovere dell’accoglienza e l’importanza dei diritti umani. Ma anche a loro, in grandissima parte, sfugge che Rosarno è da anni il laboratorio dello sfruttamento sul lavoro, che colpisce prima i migranti e poi gli italiani. Ancora rimangono nell’ombra le aziende, piccole e grandi, che usano la manodopera bracciantile ma non pagano un centesimo per abitazioni degne, scaricando il costo sulla collettività o sugli stessi lavoratori sottopagati.

Se i migranti – come sta avvenendo nelle piattaforme logistiche della grande distribuzione al Nord – ottengono migliori condizioni di lavoro, queste vanno a beneficio automaticamente di tutti i lavoratori italiani. È bene comprenderlo subito, prima che sia tardi.

 Questa storia è stata letta 3968 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date