Il paradosso di Rosarno. Per venti giorni tende vuote e africani nella baraccopoli

Redazione terrelibere.org
  Per oltre venti giorni la seconda tendopoli del Ministero dell`Interno è rimasta vuota. Settanta sistemazioni accanto alla prima installazione (strapiena) e alla bidonville di fango e casupole. Il Ministero dell`Interno avrebbe dovuto sbloccare i fondi per la gestione e le questioni formali. Intanto la stagione sta per finire. Il sindaco di San Ferdinando: «Ci hanno lasciati soli, siamo un comune con un solo vigile urbano».
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Aggiornamento del 12 febbraio, ore 16 – Il trasferimento è avviato, ma i migranti dovranno pagare l`alloggio. Chi non lavora protesta per questa «soluzione» dell`ultima ora. Le risorse per la gestione non arriveranno.

ROSARNO  –  Le tende sono arrivate circa venti giorni fa.  Blu, nuovissime, con tanto di scritta «Ministero dell’Interno». E così si sono aggiunte alla vecchia tendopoli – strapiena, persino l’area mensa era occupata da duecento materassi – e alla bidonville costruita nel fango con mezzi di fortuna dai braccianti alla ricerca di un tetto. Per una serie di questioni formali e di fondi mancanti, le nuove tende sono rimaste a lungo deserte. Sarebbe bastato poco – un atto di volontà, un’accelerazione politica – per evitare il peggiore dei paradossi: tende pronte a stagione finita. E pure con un affitto mensile a carico dei braccianti.

La nuova tendopoliDalla fine di febbraio in poi, la raccolta volge al termine e i lavoratori vanno via. Il responsabile, in questo caso, ha un nome e un cognome: Anna Maria Cancellieri, il ministro tecnico. «Non voterò alle prossime elezioni», ci dice Domenico Modafferi, il sindaco di San Ferdinando. Il suo è un piccolissimo comune, l’area della tendopoli ricade infatti sul territorio di un ente con un bilancio anemico e un solo vigile urbano in organico. La stessa persona che formalmente dovrebbe far eseguire l’ordinanza di sgombero di un’area che l’Asl ritiene non idonea dal punto di vista igienico-sanitario. Per settimane, invece, nessuno ha fatto nulla. E le baracche fatiscenti in eternit hanno convissuto serenamente con le tende marchiate dallo Stato italiano.

«Per le spese di gestione non abbiamo ricevuto neanche una lira», protesta Modafferi. Tutto si è basato sul volontariato, i partiti sono sembrati distanti e le istituzioni inadempienti rispetto agli impegni assunti in Prefettura. Ovviamente gli africani non votano e l’immigrazione non è un tema della campagna elettorale. «Per l’anno prossimo non intendo firmare alcuna autorizzazione se non per un centro di accoglienza normale, fatto con tutti i crismi» conclude il sindaco. A maggio, in ogni caso, è previsto lo smantellamento dell`intera struttura.

Le immagini della tendopoli/baraccopoli

Fotografie a cura di Medici per i diritti umani

 Questa storia è stata letta 4740 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto