Cultura liquida e questione generazionale

Francesco Rosi: `Non so che fine hanno fatto i miei film`

Antonello Mangano
  I registi Carlo Lizzani e Francesco Rosi denunciano che gli originali dei loro film sono spariti. O, meglio, non sanno dove sono finiti e a chi li hanno venduti i produttori. E` molto grave, ma è ancora più grave che chi parla di cinema (e spesso decide sulle sue sorti) non ha mai sentito parlare di cultura liquida. Di duplicazione del digitale. Di download legali e illegali. Ovvero una straordinaria opportunità di formazione culturale.
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non so dove sono i miei film. Forse sono spariti”. Nel corso di un incontro pubblico Francesco Rosi, autore di pellicole essenziali come “Il caso Mattei” e “Le mani sulla città”, rivela questo particolare inquietante. Carlo Lizzani, al suo fianco, aggiunge: “Mi hanno detto che i miei sono in uno scantinato di Hong Kong”.

La colpa sarebbe dei produttori, leggeri nel trattare con gli acquirenti e avidi nella gestione delle vendite. La cosa grave, invece, è che i due registi, ormai anziani, continuano a pensare al film come un oggetto fisico. La pizza, la pellicola. O al limite, aggiungono, il riversaggio in VHS. La videocassetta, almeno ci fosse la videocassetta.

Ormai da anni il film è un oggetto immateriale, liquido. Come è la musica da qualche anno e i libri tra breve. La cultura diventa liquida e prende la forma del contenitore cha la ospita. È esposta al rischio della pirateria, ma non a quello spaventoso che terrorizza Rosi, la scomparsa fisica per colpa di produttori ingordi o per trascuratezza. Può essere duplicata all`infinito.

Il problema – in questo momento – è che i “lavoratori della conoscenza” sono in gran parte giovani, ma quelli che prendono le decisioni sono anziani con un quadro di riferimento vecchio e superato. E con una idea di Internet assolutamente riduttiva.

Della rete evidenziano i problemi, i pericoli e i limiti. Continuano a chiedere una televisione diversa (“Senza le interruzioni pubblicitarie”) senza capire che anche quello è un mezzo in decadimento. Oggi ognuno può guardare film in un mare magnum di offerte. Legali (ancora poche) e illegali. Sarebbe bello che i vecchi maestri ci guidassero spiegando cosa è importante vedere. E cosa scaricare, anche con un torrent.

 Questa storia è stata letta 4075 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date