Una ragazza violentata dalla polizia e accusata da uno Stato sempre più islamizzato. L`accusa di immoralità pubblica diventa l`arma contro la libertà d`espressione dopo il regime di Ben Ali. Il partito islamista al potere ha finalmente dichiarato il suo sostegno alla giovane. Femme violée, nation violée, gridano i manifestanti in solidarietà alla ragazza. La “primavera” si decide anche su questo processo.

     

Scritto da Marta Bellingreri

TUNISI  – Voler, voiler, violer. Rubare, velare, violentare. Sono queste i tre comandamenti della troika tunisina secondo una delle manifestanti oggi presenti davanti al Tribunale di Tunisi. Donne di ogni età e classe, attiviste/i e bloggers, liberi cittadini, avvocati si sono infatti riuniti in sostegno a una giovane donna tunisina violentata da due poliziotti la notte del tre settembre scorso, oggi accusata di “oltraggio pubblico al pudore”. La donna, che preferisce mantenere l`anonimato, è conosciuta sotto lo pseudonimo “Mariam” dai media e da tutte le sostenitrici.

Il malcontento nei confronti del governo dunque non concerne esclusivamente il ritardo nella stesura della Costituzione, la situazione economica e la disoccupazione giovanile che lascia la Tunisia post-dittatura ancora in ansia e in bilico. Questi ormai quotidiani attentati alle libertà personali, come quello di uscire la sera con il proprio fidanzato e subire una violenza da parte di agenti della sicurezza, scatenano la rabbia della socità civile. Nella notte di ieri intanto, un`attivista e  scrittrice del famoso blog Nawaat.org è stata bloccata dalla polizia mentre si trovava in macchina con un ragazzo libanese: gli agenti avrebbero voluta portarla al ministero con l`accusa di “accompagnamento illegale da parte di uno straniero”. In seguito, sarebbero stati rilasciati.  La domanda è se oggi con l`accusa di immoralità pubblica si voglia intimidire proprio quelle persone che si sono fatte forti della loro acquisita libertà d`espressione dopo il regime di Ben Ali.

La giovane donna tunisina che ha subito la violenza e il suo fidanzato rischierebbero sei mesi di prigione per “comportamento intenzionalmente indecente” dopo che i due poliziotti accusati della violenza hanno dichiarato di aver trovato i due fidanzati in “posizione immorale” dentro la macchina. Un terzo poliziotto avrebbe accompagnato il ragazzo a prendere della benzina, mentre i due agenti nel frattempo l`avrebbero violentata, prima nella loro auto, una seconda volta nell`auto dei due giovani, secondo la testimonianza della stessa vittima.

Violentata dalla polizia, accusata dalla giustizia, la giovane Mariam ancora sotto chock si trova dunque al processo con gli aggressori da lei accusati. Già il portavoce del Ministero dell`Interno, Khaled Tarrouch, aveva dichiarato colpevole la ragazza qualche settimana fa. Solo oggi invece, prima che l`udienza finisse, il capo del governo Hamadi Jabali, in visita a Bruxelles, ha condannato l`atto, difendendo la giovane: proprio nel giorno in cui ha firmato due convenzioni con l`Unione Europea per un valore di 37 milioni di euro proprio nell`ambito della riforma della giustizia e della salute. Non è mai troppo tardi per difendere una giovane tunisina in seno alla Commissione Europea. Contemporaneamente il partito islamista al potere, il Nahda, in una conferenza stampa prevista oggi, ha finalmente dichiarato il suo sostegno alla giovane.

Ma dalla postazione di fronte al Tribunale, a pochi metri dalla Kasbah di Tunisi, la piazza occupata dai giovani tunisini nel febbraio 2011 dopo la caduta di Ben Ali, le urla si indirizzano proprio contro quel partito al governo che starebbe permettendo e facilitando un`islamizzazione dei costumi e della morale anche contro le libertà e i diritti delle donne, per tanto tempo estranea alla società tunisina, soprattutto della capitale. “Non siamo mai state estranee a quella parte di società tradizionale che accusa la vittima di uno stupro come responsabile o colpevole della violenza subita, ma quando la vittima è violentata dalla polizia e accusata dallo stato, questa diventa tortura”, s`infuoca un`anziana manifestante venuta con la giovane nipote. Così come ha affermato il gruppo di Amnesty International locale: “Lo stupro commesso da forze di sicurezza, utilizzato anche come forma di repressione, costituisce una forma di tortura”.

    Femme violée, nation violée. Il richiamo alla rivoluzione “tradita dagli islamisti al potere” e alla nazione ricorre continuamente nel dibattito di quest`ultimo affare tunisino e negli slogan dei manifestanti. Secondo l`avvocata della vittima tutto questo rumore non avrebbe affatto influenzato il parere della giustizia che ha confermato l`accusa di “oscenità ostentata premeditata”, chiusa l`udienza alle tredici e trenta e rinviato il verdetto a domani, anche se probabilmente l`affare non smetterà di infiammare le associazioni di donne, sostenitori e l`opinione pubblica tunisina. Che, se per il verdetto di Mariam deve attendere ventiquattro ore, è lungi dall`intravedere gli effetti positivi della propria rivoluzione.

Sull'autore