Addio fratellone. Il ricordo di un amico

Roberto Calabrò
  Luciano Micali non è più tra noi. Un intellettuale vero, curioso, affabile. E anche un caro amico. Così lo ricorda Roberto Calabrò. Un essere umano profondo, complesso come tutti gli esseri umani. Nella sua complessità era racchiusa anche la sua fragilità. Che è di tutti noi, uomini e donne di ogni età. Una fragilità che trova molti modi per venire fuori. Una fragilità che spesso fingiamo non ci appartenga.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Perdere un amico è una delle esperienze più tremende che la vita ti possa riservare. Ma nessuno muore in realtà, se continua a vivere dentro di noi… Per chi ha avuto la fortuna di conoscerlo, e ancor di più per chi non lo ha conosciuto, voglio ricordare Luciano Micali. Che ci ha lasciati troppo presto nella notte tra domenica e lunedì. Luciano è una delle persone più belle che mi sia capitato di incontrare lungo le strade della vita.

Una persona profonda, sensibile, dotata di una grande umanità e di una generosità che raramente si incontra di questi tempi. Non solo. Luciano era un intellettuale vero, curioso, affabile. Che amava spaziare: la sua sterminata cultura cinematografica faceva il paio con la passione per la letteratura e con quella per la musica. Era anche uno scrittore, Luciano. Che stava iniziando a raccogliere i primi meritati consensi con il suo libro di racconti “Kitsch”, pubblicato lo scorso anno.

Ci eravamo conosciuti lavorando gomito a gomito all`ufficio stampa dell`Horcynus Festival e subito era scattata un’empatia: un rapporto di amicizia e di stima che andava ben oltre il mero aspetto professionale. Ironico, gioioso, puntuale e affidabile, lavorarci assieme era un piacere. Ma soprattutto era un piacere il tempo trascorso fuori dagli orari di lavoro. A pranzo, a cena, seduti a prendere un caffé o ad ammirare la bellezza dello Stretto.

Al cinema, a parlare di musica o a partecipare a un concerto. A progettare vacanze in luoghi lontani e vicini, ma sempre ricchi di storia e di fascino. C’erano tante cose che ci univano, e tante cose sulle quali avevamo visioni diverse. Ma che ci incuriosivano. E rendevano ancora più forte il nostro rapporto. Ci univa anche il legame, la complicità che si era venuta a creare con le nostre rispettive coppie. Due coppie di amici che si volevano bene e stavano bene assieme.
Un piacere semplice, schietto, sincero. Prezioso perchè raro: un feeling che si prova raramente nella vita, e con poche persone.

Luciano Micali era una persona speciale. Un essere umano profondo, complesso come tutti gli esseri umani. Nella sua complessità era racchiusa anche la sua fragilità. Che è di tutti noi, uomini e donne di ogni età. Una fragilità che trova molti modi per venire fuori. Una fragilità che spesso fingiamo non ci appartenga, che nascondiamo nella fretta e nella routine di tutti i giorni. Ma che ci rende umani. E, in quanto tali, unici e irripetibili. Arrivederci fratellone. Che la terra ti sia lieve.

 Questa storia è stata letta 4434 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto