Yvan è uno studente di ingegneria ed è venuto dal Camerun per frequentare una delle nostre università. Per pagarsi gli studi, da Torino la scorsa estate è sceso in Puglia, dove ha lavorato come bracciante agricolo. Ma lì, fra condizioni di lavoro e di vita insostenibili e caporali aguzzini, Yvan ha trovato l`inferno e ha deciso di ribellarsi, divenendo così un simbolo della lotta contro il caporalato.

     

Scritto da Emilio Casilini

Nel reportage di Emilio Casalini dal titolo “L`ingegnere e il caporale” ripercorriamo la calda estate di Yvan, ospite in studio di Valeria Coiante, con la quale parla della sua vita e del suo futuro in Italia.

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore di “terrelibere.org”, ha scritto i libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010), "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Ha collaborato con MicroMega e Repubblica.it. Attualmente scrive per l'Espresso.