Barcellona, 22 novembre. Cementificazione selvaggia e poi un mare di fango

Elisa Calabrò
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Abusivismo? Costruzioni sanate. Prevenzione? Osservazione dei disastri precedenti. La causa? Cementificazione dei torrenti. Così Barcellona Pozzo di Gotto è diventata un fiume di fango. Le vie naturali per il deflusso delle acque piovane sono ostruite da anni. Le istituzioni sono immobili. La società civile si organizza e grida: la nostra città può rinascere, ora tocca a noi. E il vittimismo non serve.

Incuria, cementificazione selvaggia – ma sanata -, precipitazioni straordinarie e poi, un mare di fango. Cosa è successo a Barcellona Pozzo di Gotto il 22 novembre? Il torrente Longano e il torrente Idria sono quasi sempre a secco durante tutto l`anno, un rigagnolo d`acqua scorre in autunno e primavera, più forte il fluire dell`acqua durante l`inverno.

Ma mai, da trent`anni almeno, si era verificata una piena di queste proporzioni. La mattina del 22 novembre la pioggia è caduta insistentemente dalle prime ore del giorno ingrossando via via i torrenti e portando dalle montagne di Castroreale e Margi una grande quantità di terra argillosa e detriti. Il letto dei torrenti non era affatto pronto a contenere tale portata d`acqua: lavatrici, frigoriferi, tronchi d`albero ammassati, laterizi e altro materiale da discarica “ornavano” il greto dalla foce in su.

Entrambi i torrenti sono coperti d`asfalto e queste strade rappresentano due delle arterie più importanti della città. La forza dell`acqua e l`ammassarsi dei detriti hanno creato un muro di grande potenza che ha rotto gli argini in alcuni punti, ha superato la copertura inondando le strade laterali e ha distrutto un ponte di collegamento nella zona di Calderà, giusto nel punto in cui il Longano arriva a mare.

L`allerta sulla situazione idrogeologica a Barcellona Pozzo di Gotto era già alta da tempo, l`11 dicembre 2008 un`esondazione aveva travolto le case lungo il corso del torrente provocando danni enormi, la tragedia di Giampilieri e San Fratello aveva aumentato la preoccupazione in tutto il comprensorio. In molti avevano denunciato la mancanza di pulizia del greto del torrente Longano. In molti denunciano tutt`oggi la cementificazione selvaggia.

Le “saje” e le altre vie naturali per il deflusso dell`acqua piovana sono state ostruite negli anni da costruzioni private presumibilmente abusive ma poi quasi nella totalità sanate. Carente è l`azione di rimboschimento delle zone montane così come il monitoraggio dei litorali. Insomma mentre si pensava a costruire e si guardava con terrore quello che succedeva altrove, le condizioni di pericolo nel barcellonese pentavano sempre più gravi come tra l`altro era stato segnalato in un articolo del 4 novembre da Pasquale Rosania e in una relazione di poco precedente del dott. Roberto Iraci.

Oggi siamo in strada a spalare fango. In alcune vie del centro (Via Alessandro Volta, Via Mandanici, Via Tenente Genovese, Via Garibaldi) la situazione è veramente gravissima. Ad Oreto e Pozzo Perla molte persone sono rimaste isolate fino a due sere fa. La frazione di Femminamorta è stata irraggiungibile per due giorni. Via del Mare è pentata un nuovo torrente. Il fango ha invaso case, negozi, scuole e uffici. Miracolosamente non ci sono vittime. Ma la situazione è comunque gravissima.

Non si capisce allora come sia possibile che il Tribunale continui a lavorare come se nulla sia accaduto. Come non sia stato dichiarato lo stato di calamità (almeno fino a quest`ora noi non ne abbiamo ricevuto notizia). Come pochissimi mezzi (e molti dei privati) siano in azione per rimuovere fango e detriti.

I cittadini e le cittadine di Barcellona Pozzo di Gotto, insieme a tantissime persone dei comuni limitrofi, si stanno dando da fare. Auto-organizzati e fortemente determinati a rimuovere quel fango che adesso non solo metaforicamente copre la loro cittadina. Qualche tempo fa alcuni striscioni sono apparsi in città con uno slogan “Barcellona può rinascere. Ora tocca a noi!”, il riferimento era alla lotta alla mafia. Ora questo slogan è stato utilizzato per spronarsi a vicenda nelle operazioni di recupero e di pulizia. Ma i cittadini e le cittadine pretendono e meritano di avere risposte dall`Amministrazione comunale e da chi ha competenza in merito di pianificazione urbanistica e rispetto del territorio. Perché non si aspetti sempre l`emergenza per agire e tutelare il proprio territorio. Perché non sia compito degli abitanti supplire alle deficienze e alle incompetenze di chi dovrebbe farsi carico di queste problematiche.

Raccolta fondi Circolo Arci Città Futura: IBAN IT 38 E 05018 04600 000000 140686

 Questa storia è stata letta 8132 volte

Il libro / Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Tra breve riprenderanno le presentazioni del libro. Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto