E` l`episodio che ha ispirato il film di Crialese. Oggi, dopo 4 anni di processo, verrà pronunciata la sentenza di appello nei confronti dei due comandanti dei pescherecci
tunisini Morthada ed Mohamed El Hedi. Sotto processo l`aiuto umanitario. Assolti dall`accusa di favoreggiamento dell`immigrazione clandestina, sono stati condannati per violenza a nave da guerra per essere entrati in porto coi migranti salvati.

     

Scritto da ASGI - Borderline Sicilia

La sezione siciliana dell’Asgi e l’Onlus “Borderline Sicilia” auspicano che venga fatta giustizia sull’ennesimo caso di aiuto umanitario sotto processo. Nell’agosto del 2007 i due pescherecci tunisini trassero in salvo 44 naufraghi nel Canale di Sicilia. Per questo salvataggio, i due equipaggi finirono sotto processo ad Agrigento con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Nel novembre del 2009 cinque pescatori, dopo avere subito un’ingiusta detenzione durata 36 giorni e un’incalcolabile pregiudizio economico, sono stati assolti da ogni accusa.

I due comandanti, Abdelbasset Zenzeri e Abdelkarim Bayoudh, condannati in primo grado con l‘accusa di minaccia e violenza a nave da guerra e resistenza a pubblico ufficiale, attendono che il prossimo 21settembre venga riformata la sentenza di condanna del tribunale di Agrigento.

Intanto la strage continua e anche quest’estate si contano centinaia di morti nelle acque del Canale di Sicilia. Sugli arrivi alla frontiera italiana di profughi africani ed asiatici provenienti dalla Libia è stata avviata un’indagine dalla Procura della Repubblica di Palermo in ordine alle responsabilità del regime libico sui viaggi della speranza usati come forma di ricatto nei confronti dell’Italia. E il procuratore aggiunto Teresi denuncia le condizioni di trattenimento dei migranti presso l’ex base Loran a Lampedusa.
La politica di chiusura della fortezza Europa, in nome del controllo delle frontiere, ha trasformato il Mediterraneo in un mare senza diritti, in cui non contano più le convenzioni internazionali, il rispetto del diritto d’asilo e dei diritti umani, e in cui le azioni umanitarie vengono criminalizzate per scoraggiare l’intervento di coraggiosi pescatori che, anche a costo della propria vita, compiono azioni di salvataggio in mare nel rispetto della legge.

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore di “terrelibere.org”, ha scritto i libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010), "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Ha collaborato con MicroMega e Repubblica.it. Attualmente scrive per l'Espresso.