Il Ministro dell’Interno Roberto Maroni ha vietato ai giornalisti l’ingresso nei centri per migranti, sia in quelli di accoglienza sia in quelli di detenzione. Questo divieto costituisce un bavaglio per tutta la stampa, italiana e internazionale, che non può verificare il rispetto dei diritti umani all’interno dei centri.

     

 Conferenza stampa

Venerdì 8 luglio – ore 10.45

Sala della Stampa estera – Via dell’Umiltà, 83 C

 

Con una circolare interna, la n. 1305 del 01.04.2011 il Ministro dell’Interno Roberto Maroni ha vietato ai giornalisti l’ingresso nei centri per migranti, sia in quelli di accoglienza sia in quelli di detenzione. Questo divieto costituisce un bavaglio per tutta la stampa, italiana e internazionale, che non può verificare il rispetto dei diritti umani all’interno dei centri di identificazione e di espulsione e le condizioni dei richiedenti asilo nei centri per i rifugiati. Non si può esercitare il diritto di cronaca su un tema così rilevante in ambito nazionale ed europeo, quale quello dell’immigrazione.

In alcuni Cie, le visita di parlamentari e le ispezioni di associazioni umanitarie hanno lanciato l’allarme per la situazione inaccettabile, destinata a peggiorare con l’estensione della reclusione da sei a 18 mesi.

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana e l’Ordine nazionale dei giornalisti hanno scritto ed inviato in data 14 giugno 2011 una lettera congiunta indirizzata al ministro Maroni in cui chiedevano un incontro sulla circolare che “limita il dovere di informare liberamente i cittadini, in ottemperanza all’articolo 21 della Costituzione” , in violazione del diritto di libertà di stampa. 

Non avendo avuto risposta,  viene  lanciata una giornata di mobilitazione nazionale, con manifestazioni davanti ai principali Cie italiani, in cui giornalisti e parlamentari cercheranno di entrare nei centri per migranti.  I contenuti saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa, aperta anche ai giornalisti italiani, convocata  per venerdì 8 luglio alle ore 10.45 presso la Stampa Estera, Via dell`Umiltà 83,C.

 

Promotori dell’iniziativa sono:

FNSI, Ordine dei Giornalisti, ASGI, Rete PRIMO MARZO, OSF – Open Society Foundations , European Alternatives, Articolo 21, e i Parlamentari Rosa Vilecco Calipari, Giuseppe Giulietti e Jean Leonard Touadi.

 

Hanno sinora aderito: 

On. David Sassoli (capogruppo del Pd al Parlamento europeo)

On. Furio Colombo – Presidente Comitato per i Diritti Umani – Camera dei Deputati

On. Fabio Granata (FLI)

On. Leoluca Orlando (IDV)

On. Vincenzo Di Stanislao (IDV)

Gruppo al Consiglio Regionale del Lazio della Federazione della Sinistra

 Interverranno inoltre giornalisti italiani che hanno fatto regolare richiesta di visita nei CIE e ai quali è stato negato l’accesso, ma che sono riusciti a documentare la situazione degli immigrati con interviste e video “non autorizzate”

 Nel corso della conferenza stampa verranno esaminati i seguenti punti:

  -Circolare n. 1305 del Ministero dell`Interno in data 01.04.2011 – a violazione del diritto di informazione e mancata risposta di Maroni – FNSI e Ordine dei Giornalisti;

– la situazione inaccettabile di alcuni CIE italiani e l`irregolarità della posizione del governo italiano rispetto all`adeguamento con la normativa europea in tema di allontanamenti – Testimonianze  di giornalisti e interventi di deputati;

– la situazione particolare che verrà illustrata da Hedwig Zeedijk attinente i cittadini immigrati e detenuti nei CIE nonostante siano legalmente coniugati con cittadini europei;

– Lancio della giornata di mobilitazione di stampa e parlamentari nei CIE italiani.

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore di “terrelibere.org”, ha scritto i libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010), "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Ha collaborato con MicroMega e Repubblica.it. Attualmente scrive per l'Espresso.