Notizie

Le mafie ci uniscono

L`allarme lanciato dall`associazione daSud onlus, nel 150° anniversario dell`Unità d`Italia 1861-2011. Creatività, Comunicazione e Discussione e una campagna diffusa e partecipata per costruire un Paese senza mafie. Manifesti e cartoline postali, canzoni e video spot radiofonici e flyer per il web, cartoni animati e fumetti, eventi pubblici e mostre, fotografie e slogan.

     

Scritto da daSud

Fratelli d`Italia, sì, ma in nome delle mafie. Nell`anno del 150esimo anniversario dell`Unità d`Italia è assordate e insopportabile il silenzio delle celebrazioni su uno degli aspetti tanto oscuri quanto fondanti della nostra storia comune: le criminalità organizzate. Dalle repressioni contro le lotte contadine alla strage di Portella della Ginestra, fino agli omicidi commissionati dalla politica di militanti, giornalisti, e servitori dello Stato, il nostro è un paese che si è consolidato anche tramite il sangue versato per mano delle mafie.

“Le mafie ci uniscono” è una campagna dell’associazione antimafie daSud, nata perché non ci convince l’impostazione ingessata di un Paese che si guarda allo specchio e vede 150 anni di storia racchiusi nella teca di un museo polveroso. Consideriamo offensiva la retorica del tricolore fine a se stessa che caratterizza il dibattito politico di questo Paese. Lavoriamo alla costruzione di un Paese solidale, fondato sui diritti e le libertà. Un paese antimafie, senza mafie.

L’Italia nasce nel 1861 e con essa viene scoperta la mafia. Oggi, dopo 150 anni, le mafie sono presenti in tutte le regioni italiane, dai paesi sperduti del sud ai salotti delle grandi città del nord, e sono diventate soggetti glocali, capaci di unire il predominio territoriale e le strategie (e gli ambiti di azione, interessi e affari) a livello europeo e mondiale. Le mafie non sono più un’emergenza legata alla questione meridionale, quanto piuttosto un elemento strutturale, seppure patologico, della modernità, del sistema economico e di potere del ventunesimo secolo.

Le mafie riguardano tutti, concretamente. Da qui vogliamo partire, per ragionare del nostro Paese, dell’esercizio del potere, del modello economico, delle mafie e dell’antimafia. La campagna “Le mafie ci uniscono” utilizza linguaggi, tempi e modalità diverse (le parole e i disegni, gli slogan e i documenti di analisi, i fumetti e i cartoni animati, la musica e le immagini video, le foto e le iniziative di partecipazione popolare, la radio e i giornali, il siti internet e i social network, i manifesti tradizionali e le cartoline). Che si mescolano, che lanciano un unico messaggio molto semplice e diretto, lanciato proprio in occasione dei 150 anni dall’Unità d’Italia: le mafie sono un elemento strutturale di questo Paese, da Nord a Sud. Nessuno può sentirsi escluso, nessuno può pensare di non avere responsabilità. Fingere che le mafie non ci siano, non è risolvere il problema. La creatività, la partecipazione, l’impegno, la discussione sono un inizio per cambiare.

La campagna “Le mafie ci uniscono” si articola con diversi strumenti: uno spot virale, otto manifesti, una mostra itinerante, uno spot  radiofonico, le cartoline da spedire, un videoclip e una canzone della Popucià Band, una serie di eventi di approfondimento, e una campagna web. Il documento di presentazione della campagna, in formato integrale, è disponibile su www.dasud.it

L’associazione antimafie daSud onlus nasce in Calabria nel 2005 con l’ambizione di ricostruire percorsi della memoria, mettere in rete le competenze del Sud, elaborare idee innovative e di resistenza per il Mezzogiorno.  Nasce dalla volontà di un gruppo di donne e uomini che sono partiti dal Mezzogiorno, ma non intendono lasciarlo nelle mani di `ndrangheta, camorra, cosa nostra e sacra corona unita. E che, per questa ragione, lavorano a percorsi di comunicazione, cultura, memoria, identità e ricercano, attorno a progetti concreti, alleanze possibili tra cittadini, intellettuali, associazioni, artisti e buona politica.

Tra le tante iniziative di daSud: “La Lunga Marcia della Memoria” (2007-2010),  il portale Stopndrangheta.it, il primo archivio multimediale sulla ‘ndrangheta e l’antimafia in Calabria, la collana di fumetti “Libeccio” (in collaborazione con Round Robin Editrice) per raccontare la storia delle vittime della criminalità organizzata, la pubblicazione dei libri “Il sangue dei giusti” (Città del Sole edizione, 2007),  “Il caso Valarioti” (Round Robin, 2010) e “Dimenticati” (Castelvecchi, 2010), il dossier “Arance insanguinate” (febbraio 2010) sui fatti di Rosarno. Dal 25 aprile 2009 daSud ha aperto a Roma lo “Spazio daSud”, sede nazionale e spazio aperto che ha fin qui ospitato centinaia di eventi (presentazioni di libri, dibattiti, proiezioni).  Donne daSud è il collettivo che si occupa delle tematiche di genere.

 

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore di “terrelibere.org”, ha scritto i libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010), "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Ha collaborato con MicroMega e Repubblica.it. Attualmente scrive per l'Espresso.