La politica della Fortezza Europa

Un muro anti-immigrati tra Grecia e Turchia

Michelangelo Cocco
  Una barriera di 12,5 chilometri lungo il confine con la Turchia per impedire l`ingresso dei migranti asiatici e africani nella penisola ellenica. La Grecia stremata dalle misure di austerità imposte dal governo del socialista Pasok si blinda ignorando le critiche - interne e internazionali - di chi ha già bollato come «inefficace e inumano» questo ennesimo muro del XXI secolo.
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aggiornamento da Fortress Europe: caccia all`uomo alla frontiera tra Grecia e Turchia

La decisione di costruire una recinzione su una parte dei 206 chilometri di frontiera tra Atene e Ankara è stata confermata dal ministro dell`interno. «La Grecia non può più tollerare ciò» ha dichiarato Christos Papoutsis riferendosi ai 128.000 migranti che – secondo i dati ufficiali – sono entrati nella Penisola balcanica l`anno scorso. «La società greca ha superato il limite della sua capacità di accogliere immigrati illegali – ha continuato Papoutsis -: questa è la dura realtà e noi abbiamo l`obbligo, di fronte ai cittadini, di affrontarla».
Da quando in tutto il Mediterraneo sono stati rafforzati i pattugliamenti in mare e dopo che Spagna e Italia hanno firmato trattati di rimpatrio coi paesi africani, le rotte dell`immigrazione non interessano più gli arcipelaghi del Mar Egeo, ma si sono concentrate lungo il confine terrestre con la Turchia, dove il fiume Evro la divide dalla Grecia. Secondo Frontex, l`Agenzia dell`Unione europea addetta alle frontiere, nell`ottobre scorso quell`area è stata attraversata mediamente da 245 migrati al giorno.
Ma Bill Frelick, di Human rights watch, ha spiegato alla Bbc perché considera inutile il muro: «Può spostare il flusso (di migranti) verso altri posti, ma la Grecia ha frontiere e coste lunghe, quindi si tratta di un tentativo di risolvere rapidamente un problema che è molto più complesso». Michele Cercone, portavoce della Commissione europea, ha parlato di «misure di corto raggio che non ci permettono di affrontare in maniera strutturale il problema dell`immigrazione illegale».

Anche i turchi non hanno rinunciato a stigmatizzare le misure adottate dallo storico rivale: «C`è un fiume di 200 chilometri che può essere attraversato in inverno a bordo di barche e a piedi d`estate, quando l`acqua è bassa» ha dichiarato alla televisione NTV Gokhan Sozer, governatore della provincia frontaliera di Edirne. Il Partito comunista greco (Kke) forte del successo elettorale che l`ha portato al 10,9% al recente voto amministrativo, denuncia che le politiche del ministero dell`interno «potranno solo rendere più inumano il trattamento dei migranti e dei rifugiati, ma non fermare le masse di migranti, come non le ha bloccate il muro eretto al confine tra Stati Uniti e Messico».
Alle prese con una crisi economica sempre più drammatica, l`esecutivo del premier Jorgos Papandreou attua la linea dura anche nei confronti dell`immigrazione. Già nei mesi scorsi c`era stata una serie di sgomberi di tendopoli e centri provvisori per migranti, ma certo la scelta di costruire un muro avrà effetti mediatici ben più rilevanti sull`opinione pubblica.
Intanto i depositi nelle banche greche sono calati di 29,1 miliardi di euro da gennaio a novembre 2010. Gli analisti ritengono che questa cifra, alla fine, supererà i 30 miliardi. Secondo i dati resi noti dalla Banca di Grecia i depositi privati e delle imprese totalizzano a novembre 208,8 miliardi, 29,1 miliardi in meno rispetto al 2009. Il calo fra ottobre e novembre è stato di 2,2 miliardi.

 Questa storia è stata letta 7043 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date