Gravissimo incidente a Sigonella. Un operaio è in condizioni disperate

Antonello Mangano
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Nella notte del 24 ottobre un operaio italiano in servizio alla base di Sigonella ha subito un gravissimo incidente sul lavoro. "Siamo sotto organico. L`azienda che gestisce lo scalo ci ha tolto diritti e sicurezza", denunciano i colleghi."E ancora non sappiamo se Salvatore sopravviverà".

*** Aggiornamento del 3 novembre 2010. L`operaio è uscito dal coma, ma rimane in ospedale. Ora si attendono i risultati dell`inchiesta della Procura.

SIGONELLA (CT) – La notte del 24 ottobre un cargopallet da 1600 kg (uno dei grossi contenitori che si caricano sugli aerei della base) ha schiacciato un lavoratore dell`Algese che si trovava sulla rampa.

I lavoratori denunciano che le norme di sicurezza sono state ignorate. L`operaio è in coma e sta subendo un intervento chirugico. La base di Sigonella è divisa tra la parte italiana e quella USA. In quest`ultima sono presenti i lavoratori italiani, personale civile che lavora all`aeroporto interno.

La vittima dell`incidente è Salvatore Maita, 47 anni, con figli. Ha avuto la scatola cranica rotta, un ferro gli ha bucato i polmoni, ha subito infine  diverse fratture. “Non sappiamo se sopravviverà”, ci dice Gaetano Ventimiglia, lavoratore e collega di Maita, oltre che sindacalista della Cub trasporti.

L`ultimo appalto per la gestione dello scalo della base USA è stato appunto vinto dalla ditta Algese. Sono circa 100 milioni di dollari per quattro anni, e il contratto è stato soffiato nientemeno che alla multinazionale Lockeed. L`Algese è presente a Sigonella dal `76, in varie forme e con qualche interruzione. “Hanno fatto fuori tutele, diritti e sindacati. Il risultato finale: c`è un collega che sta morendo”, spiega Ventimiglia.

L`incidente, secondo i sindacalisti, non è frutto del caso. “Eravamo in 220”, conclude Ventimiglia. “Ora siamo sotto organico, in 162, gli altri sono in mobilità e cassa integrazione. L`azienda, dopo aver ottenuto l`appalto, ha infatti dichiarato lo stato di crisi”.

 

 

 Questa storia è stata letta 6499 volte

Il libro / Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Tra breve riprenderanno le presentazioni del libro. Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto