Gravi atti di intimidazione nel foggiano contro i sindacalisti della FLAI impegnati nella campagna `Oro Rosso` per la sindacalizzazione dei migranti impegnati nella raccolta dei pomodori. Un padrone tenta di speronare l`auto dei sindacalisti e minaccia di lanciare pietre. Intervengono i carabinieri. L`azione di informazione dei lavoratori continuerà nei prossimi giorni

     

Scritto da Flai Cgil Foggia

Alcuni sindacalisti della FLAI, impegnati nella campagna `Oro rosso, dal reality alla realtà, sono stati oggetto di gravi intimidazioni. “Al quarto giorno, dopo aver incontrato migliaia di lavoratrici e lavoratori italiani, comunitari ed extracomunitari, un imprenditore di Sannicandro Garganico (Fg) – denuncia il sindacato in una nota – ha aggredito e minacciato 30 sindacalisti che erano stati autorizzati dal figlio a distribuire tabelle paga e materiale sindacale a 20 rumeni che stavano raccogliendo pomodori a 3 euro a cassone (100 Kg)”.

“L`aggressione, che per poco non ha avuto conseguenze drammatiche – prosegue la nota del sindacato – è frutto del clima di intimidazione presente nel foggiano e in tutte le campagne meridionali contro i sindacalisti e i lavoratori che si battono per i diritti contrattuali e per i diritti legali (collocamento, sicurezza, etc.). Il fatto non ha avuto un epilogo drammatico (l`imprenditore con il carrello ha tentato di speronare una macchina del sindacato e più volte ha minacciato di scagliare pietre contro i sindacalisti) solo grazie all`intervento dei carabinieri che hanno fatto desistere il proprietario da ulteriori azioni violente”.

La FLAI, nel denunciare tale episodio, conferma che continuerà nei prossimi giorni, a partire da domani, a girare per le campagne del foggiano per affermare la culture dei diritti, della legalità per tutte le lavoratrici e i lavoratori.

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore di “terrelibere.org”, ha scritto i libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010), "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Ha collaborato con MicroMega e Repubblica.it. Attualmente scrive per l'Espresso.