Scuole dell`Alto Adige, prove di apartheid

ApCom
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Otto Saurer, assessore alla scuola della Provincia di Bolzano, annuncia da febbraio un primo passo verso le `classi ponte` proposte dalla Lega. La delibera, approvata dalla giunta di centrosinistra, prevede un tetto del 30% per la presenza di alunni stranieri nelle classi delle scuole di ogni ordine e grado del territorio. Il resto saranno per forza italiani, tedeschi o ladini.

BOLZANO – E` la prima esperienza del genere in Italia, una sorta di via di mezzo tra la situazione attuale e le “classi ponte” proposte dalla Lega: la Provincia autonoma di Bolzano ha varato una delibera che dal prossimo anno scolastico istituisce un tetto del 30% per la presenza di alunni stranieri nelle classi delle scuole di ogni ordine e grado del territorio. In sostanza, due terzi degli studenti tra i banchi dovranno essere sempre e per forza italiani, tedeschi o ladini.

La delibera, approvata dalla giunta di centrosinistra lunedì scorso, era stata presentata dall`assessore alla Scuola tedesca (la provincia ha due responsabili dell`istruzione, italiano e appunto tedesco) Otto Saurer: entrerà in vigore il prossimo febbraio, quando scattano le preiscrizioni per l`anno scolastico che verrà.

“Non abbiamo mai pensato di raccogliere posizioni come quelle delle classi separate, anzi per noi è importantissimo lavorare sul dialogo e sullo scambio di esperienze tra i ragazzi”, precisa l`assessore alla scuola (italiana) Francesco Comina, “ma per lavorare con serietà sull`inserimento linguistico e sull`integrazione e non pregiudicare questi intenti era necessario mettere un tetto”.

I ragazzi che studiano nelle scuole in provincia di Bolzano sono circa 79mila, di cui circa 5mila stranieri, concentrati quasi tutti nelle scuole di lingua italiana: in media, in provincia, l`incidenza per classe degli alunni immigrati è circa del 6,5%. A Bolzano però, dove vive la maggior parte degli stranieri, la situazione è differente: qui la media per classe è di circa il 15%, con disparità tra istituti e picchi che – nelle scuole del centro città – arrivano al 40%, soprattutto alle elementari.

“Quando la presenza degli immigrati diventa troppo forte il controllo e il lavoro didattico sono più difficili”, spiega Comina, sottolineando però come “il tetto del 30% è alto rispetto alle medie reali. Eppoi abbiamo raccolto i sentimenti dei direttori scolastici e anche la consulta degli immigrati si è detta d`accordo”.

Dalla scorsa estate la Provincia aveva anche organizzato presso le scuole i primi centri linguistici, dove i ragazzi stranieri potevano apprendere (senza obblighi) l`italiano o il tedesco seguendo i corsi di équipe di linguisti e docenti specializzati, “affinché ci fosse più possibile integrazione”. Forse non bastava.


Questa storia è stata letta 7187 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »